ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Borsellino:giudici appello,si volle accreditare falsa verità

Depositate le motivazioni della sentenza della Corte d'Appello
Depositate le motivazioni della sentenza della Corte d'Appello
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – CALTANISSETTA, 20 GEN – Sulla strage di via
D’Amelio, costata la vita al giudice Paolo Borsellino e alla sua
scorta, fu “costituita una verità che in un determinato momento
storico si è voluta accreditare”, una verità di comodo, dunque,
basata su dichiarazioni false: lo scrivono, confermando la tesi
del depistaggio dell’inchiesta sull’attentato i giudici della
corte d’assise d’appello di Caltanissetta che oggi hanno
depositato le motivazioni della sentenza che ha confermato la
condanna all’ergastolo per i boss Salvo Madonia e Vittorio
Tutino, imputati di strage e la condanna a 10 anni dei “falsi
pentiti” Francesco Andriotta e Calogero Pulci, accusati di
calunnia. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.