ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Venne aggredito, Piero Longo ora accusato violenza minore

Vicenda sarebbe all'origine dell'agguato
Vicenda sarebbe all'origine dell'agguato
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – PADOVA, 05 NOV – Vi sarebbe una presunta violenza ad
una minorenne, figlia dell’ex convivente, all’origine
dell’aggressione all’avvocato ed ex parlamentare padovano Piero
Longo, già difensore di Silvio Berlusconi. La vicenda – di cui
l’ANSA ha trovato conferme oggi a Padova – è riportata dal
‘Corriere della Sera’. A compiere l’agguato, il 30 settembre scorso nell’androne di
casa dell’avvocato, erano stati Luca Zanon e Silvia Maran, 49 e
47 anni, che il legale aveva affrontato sparando alcuni colpi di
pistola in aria, ma venendo strattonato e colpito con due pugni.
Assieme a loro c’era una donna di 31 anni. Sarebbe lei, quando
era ancora minorenne, la presunta vittima delle violenze
dell’avvocato secondo l’indagine. I due aggressori avevano
raccontato di averla accompagnata per fare da “mediatori” con
Longo. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.