ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ristoratori Milano, da dicembre non ce la farà nessuno

Peroli, servono fondi o la città sarà morta
Peroli, servono fondi o la città sarà morta
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – MILANO, 25 OTT – “Da dicembre non ce la farà più
nessuno, la città sarà morta”: Paolo Peroli, socio di uno degli
storici locali notturni di Milano e esponente del comitato
territoriale esercenti che lo scorso 22 ottobre ha protestato
sotto Regione Lombardia, commenta con queste parole il nuovo
Dpcm che impone la chiusura di ristoranti e bar dalle 18. “Eravamo andati sotto la Regione consci che la situazione ci
obbligava a richiedere fondi per sopravvivere. A questo punto
dovremo chiederne altri o le attività moriranno e finiranno in
mano alla malavita”. Quello che serve per tamponare, ha spiegato
all’ANSA, è “almeno un 3% del fatturato del 2019″, una cifra che
potrà servire a coprire in media tre mesi di affitto “per non
dover regalare le attività agli speculatori” e poi un fondo per
i lavoratori, un aiuto per le bollette. “Il nostro timore è che la temperatura media si sta alzando,
le persone – avverte – iniziano ad agitarsi a parlare di
scendere in piazza e fare come a Roma e Napoli. Noi cerchiamo di
mediare, di gestirli ma la temperatura si sta alzando”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.