EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Gregoretti: striscioni all'aeroporto, 'Legisti not welcome'

A Catania davanti a ingressi, realizzati da 'Mai con Salvini'
A Catania davanti a ingressi, realizzati da 'Mai con Salvini'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CATANIA, 29 SET - Striscioni con la scritta 'Leghisti not welcome' sono stati esposti davanti a ingressi dell'aeroporto di Catania. A rivendicarne la realizzazione è la rete 'Mai con Salvini' che annuncia la preparazione di tre giorni di contestazione dal 1 al 3 ottobre prossimi, in concomitanza delle iniziative promosse dalla Lega a sostegno del loro leader che sabato dovrà apparire davanti al Gup per l'udienza preliminare per il sequestro di persona aggravato per lo sbarco di 131 migranti dalla nave Gregoretti. Sono previsti flash mob, incontri e manifestazioni contro il leader della Lega, con manifestanti previsti in arrivo da gran parte della Sicilia.. "Pur di riempire le piazze siciliane, Matteo Salvini, chiama a raccolta leghisti da tutta Italia, ma gli unici a non essere benvenuti nella nostra terra sono loro", afferma Sara, lavoratrice precaria e attiva nella costruzione della rete, in una nota diffusa da 'Mai con Salvini'. "La Lega al Sud - aggiunge - non ha sfondato e così l'occasione del processo per il caso Gregoretti diventa l'ennesimo tentativo di venire a far campagna elettorale qui in Sicilia. Per questo abbiamo deciso di organizzare dall'1 al 3 ottobre diverse iniziative per esprimere chiaramente che se pensavano di poter fare una Pontida del Sud, si sbagliavano". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mosca, Putin riceve Assad: presidenti russo e siriano discutono della situazione in Medio Oriente

Lettonia, arrestati quattro trafficanti di migranti

Rapporto Ue sullo stato di diritto, Fnsi: “Confermato il nostro allarme”