EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Requiem per le vittime, postina di Nembro in Duomo

Rappresenterà Poste Italiane, lavorò anche durante il lockdown
Rappresenterà Poste Italiane, lavorò anche durante il lockdown
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NEMBRO, 03 SET - Sarà Eliana Mismetti, portalettere a Nembro (Bergamo), a rappresentare Poste Italiane alla Messa da Requiem di Giuseppe Verdi per le vittime del Covid che si terrà venerdì 4 settembre nel Duomo di Milano ad opera del coro e dell'orchestra della Filarmonica della Scala diretta da Riccardo Chailly, alla presenza del presidente Sergio Mattarella. "Eliana - ricorda Poste Italiane - ha svolto le attività di recapito in uno dei territori più colpiti dal virus, anche durante il lockdown, e ha continuato a distribuire lettere e pacchi in quei giorni difficili di isolamento rappresentando per molti l'unico collegamento con il mondo. Per questo l'Azienda ha scelto Eliana per rappresentare i 130.000 lavoratori di Poste che non si sono mai fermati e hanno lavorato con coraggio e tenacia". "Mi riempie di orgoglio - ha detto Eliana Mismetti - partecipare a questo evento e anche se i ricordi tristi di quei giorni di marzo ogni tanto affiorano, dobbiamo essere fiduciosi, sperare che il peggio sia passato e che ci attendano giorni di pace e serenità per noi e per i nostri figli". Eliana Mismetti ha 45 anni, abita ad Albino, ha due figli e lavora come portalettere dal 1998. Da 7 anni si occupa delle consegne di corrispondenza e pacchi nel Comune di Nembro. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kenya: almeno 5 manifestanti morti nelle proteste contro approvazione legge finanziaria

Le notizie del giorno | 25 giugno - Serale

Ucraina: mandati di arresto della Cpi per i generali russi Shoigu e Gerasimov per crimini di guerra