EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Bracciante, capi ci chiamavano 'animali'

Verbale,' usavano parole come negro... e animale'
Verbale,' usavano parole come negro... e animale'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 26 AGO - "Mi ha detto che siamo dei poveracci africani che non hanno niente, poi mi ha spintonato violentemente provando a buttarmi fuori dall'ufficio e mentre mi spingeva continuava a venirmi sulla faccia e continuava ad urlare e sputacchiarmi in faccia". E' il racconto del trattamento ricevuto da uno dei 'capi' di Mohamed, uno dei circa 100 braccianti extracomunitari secondo la procura di Milano sfruttati e pagati 4,5 euro all'ora. Il verbale è agli atti dell'inchiesta che un paio di settimane fa ha portato al sequestro di StraBerry, l'azienda modello nel milanese con serre fotovoltaiche per coltivare fragole, mirtilli, lamponi e more e a indagare 7 persone tra cui il fondatore Guglielmo Stagno d'Alcontres. Lo straniero, riferendosi in particolare a due dei capi, ha spiegato che "erano molto offensivi, sempre, usavano parole come coglione, negro di merda, animali". (ANSA)

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Olimpiadi: tuffo nella Senna per la ministra dello Sport Oudéa-Castéra

János Bóka: "L'Europa deve avere rapporti diplomatici con la Russia"

Spagna: sette feriti nella festa a Pamplona, nessuno dalle corna dei tori