ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Aziende responsabili se violano i diritti umani: il pressing del Parlamento UE

Di Efi Koutsokosta
euronews_icons_loading
Aziende responsabili se violano i diritti umani: il pressing del Parlamento UE
Diritti d'autore  MUNIR UZ ZAMAN/AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

L'eurocamera vuol metter fine all'impunità delle aziende quando si verificano tragedie sul posto di lavoro, come il crollo della fabbrica tessile Rana Plaza in Bangladesh. Mercoledì gli eurodeputati hanno votato un progetto di iniziativa legislativa che imporrebbe alle aziende di individuare, prevenire e ridurre gli impatti sociali e ambientali delle loro attività lungo le loro catene di approvvigionamento.

La crescita delle catene di approvvigionamento internazionali ha portato negli anni a determinati impatti negativi, relativi ad esempio a violazioni dei diritti umani e del lavoro, inclusi il lavoro forzato, il lavoro minorile, danni ambientali, accaparramento di terre e corruzione.

Per diversi decenni, le aziende sono state incoraggiate ad assumersi la responsabilità solo su base volontaria.

"Ciò di cui tratta questa legislazione è una condotta aziendale responsabile - spiega Lara Wolters, eurodeputata olandese e relatrice principale sulla questione. Quello che vogliamo cercare di ottenere è che casi come Rana Plaza in Bangladesh o l'inquinamento che vediamo in Nigeria causa di fuoriuscite di petrolio o la morte di lavoratori in Qatar per la coppa del mondo non accadano più e che le aziende europee, soprattutto, si assumano le proprie responsabilità ".

Esistono diversi esempi di legislazione sulla diligenza obbligatoria nei paesi dell'UE e non solo, ma si concentrano su settori specifici o su particolari violazioni dei diritti umani, come il lavoro minorile o il lavoro forzato.

L'unica legislazione nazionale ad adottare un approccio intersettoriale è la legge francese del 2017 sul dovere di vigilanza, che richiede a tutte le grandi società francesi (con oltre 5000 dipendenti in Francia e oltre 10000 nel mondo) di assumere una condotta responsabile in merito alle società che controllano e a tutti i loro appaltatori e fornitori.

Ma non cè niente a livello europeo.

"Il problema è che se c'è un crollo di una f abbrica in Bangladesh, in Pakistan i in un'azienda di filiera, la famiglia dei lavoratori che vengono feriti o uccisi, non sanno quale legge è stata effettivamente violata, non sanno quale legge può aiutarle, quale giurisdizione si applica, come avere accesso a un tribunale dell'UE. Quindi ciò che vogliamo è una direttiva che dia davvero questa opzione attraverso la responsabilità civile e che le vittime possano chiedere un risarcimento", afferma Claudia Saller, Direttrice Generale della Coalizione Europea per la Giustizia Aziendale.

La Commissione europea dovrebbe presentare una proposta legislativa prima dell'estate e promette che sarà parte integrante del Green Deal europeo e del Piano europeo per la ripresa economica.