ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid, frontiere aperte in Ue, ma solo per "viaggi essenziali"

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Hospital
Hospital   -   Diritti d'autore  Frame
Dimensioni di testo Aa Aa

Restano aperte le frontiere interne all'Unione europea, ma si va verso un guiro di vite sui viaggi considerati non essenziali. La Francia, inoltre, da domenica ha introdotto l'obbligo del tampone per chiunque entri nel paese, e comincia a prendere in considerazione un uteriore irrigidimento delle misure di blocco, dato che la curva dei contagi resta in crescita.

In Germania, nonostante un leggero calo del tasso di nuovi contagi, si sono superati i 50.000 morti per la pandemia. In questo quadro le autorità insistono sul rispetto del confinamento, "per evitare un notevole peggioramento" della situazione. Il ministro tedesco della Salute Jens Spahn, dopo aver definito "ancora troppo alte" le cifre della pandemia, ha rinnovato l'appello ai tedeschi per abbassare la curva dei contagi.

In Portogallo, dopo la nuova impennata di nuovi casi, il governo ha ordinato la chiusura delle scuole per le prossime due settimane. Il paese, che dalla scorsa settimana è in lockdown, ha il più alto tasso mondiale dei nuovi casi ogni 100.000 abitanti.

Variante britannica "più veloce e letale"

Oltre a diffondersi più velocemente, la variante britannica del coronavirus potrebbe risultare del trenta per cento più letale. È quanto temono le autorità sanitarie, alla luce dei risultati delle prime indagini scentifiche. Per il primo ministro Boris Johnson sarebbe proprio il virus mutato a tenere alte le statistiche e a mettere sotto stress il sistema sanitario nazionale.

"Devo dirvi che siamo appena stati informati che oltre ad avere una capacità di contagio più rapida, la nuova variante, quella identificata per la prima volta a Londra e nel Sud-Est, può essere associata a un grado maggiore di mortalitâ", ha detto il premier.

Isolata nel Kent a settembre scorso, la variante locale del covid-19 è ora diventata dominante in Inghilterra e in Irlanda del Nord, e si è diffusa in più di 50 paesi. Secondo gli scienziati, i vaccini in corso di utlizzazione sarebbero efficaci anche contro la nuova versione del virus.