ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Cambiamenti climatici e inquinamento : l'Europa prepara le difese per la salute dei cittadini

euronews_icons_loading
Cambiamenti climatici e inquinamento : l'Europa prepara le difese per la salute dei cittadini
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Europa sta lanciando varie iniziative per affrontare alcune delle principali sfide del nostro tempo. Horizon Europe, a partire dal 2021, ha cinque obiettivi: combattere il cancro, città a impatto zero sul clima, protezione dei mari, suoli sani e adattarsi ai cambiamenti climatici. Non è l'ammissione di una sconfitta, ma la constatazione che certi cambiamenti sono inevitabili.

Connie Hedegaard, studiosa che vive a Copenaghen chiarisce quali sono le azioni e le ambizioni dietro questa missione: “Non importa quanto facciamo sulla mitigazione in Europa, dovremo anche adattarci ai cambiamenti climatici. E che impatto avrebbe sui nostri comuni, le nostre città, le nostre società, le nostre attività, le nostre case? Come possiamo rendere l'Europa un luogo più resiliente? E come possiamo farlo in modo da avvantaggiare l'economia, che sia positivo per le persone, che sia positivo per gli affari. Qual è l'approccio strategico alla base di un piano così ambizioso e di ampio respiro?

Fra le possibili soluzioni c'è quella di identificare 200 regioni in Europa, con sfide molto diverse, con esperienze diverse, pratiche diverse, alcune buone, altre meno buone, che potrebbero imparare cosa fare e forse anche cosa non fare. Si potrebbero identificare ad esempio, alcuni punti di forza, e alcune lacune nella conoscenza. Capire dove abbiamo bisogno che i nostri scienziati escogitino nuove soluzioni o che le nostre aziende elaborino nuove tecnologie. L'altra cosa che vogliamo realizzare sono 100 progetti dimostrativi approfonditi in cento regioni, dove cerchiamo davvero di far funzionare la nuova tecnologia per mostrare come è possibile farlo. E poi, ovviamente, l'obiettivo principale è che in seguito dovremmo ispirarci a vicenda. Dobbiamo basarci sulle reciproche esperienze invece di disperderci in mille percorsi diversi".

Una delle sfide future, legate all'adattamento ai cambiamenti climatici riguarda la nostra salute. Siamo andati in Norvegia e in Grecia per incontrare gli scienziati del progetto Exhaustion, che stanno studiando l'impatto dell'aumento delle temperature e dell'inquinamento atmosferico sulle malattie. Il continuo aumento delle temperature aumenta inoltre la probabilità di incendi e di ondate di caldo.

Gli esperti ritengono che questo effetto sul clima combinato con l'inquinamento atmosferico costituisca un grave rischio per la salute umana.

L'inquinamento atmosferico uccide circa sette milioni di persone in tutto il mondo ogni anno.

Il progetto Exhaustion, finanziato dall'UE, si sta concentrando sul legame tra calore, inquinamento e malattie cardiopolmonari.

Gli scienziati del Center for International Climate Research, a Oslo, puntano a sviluppare schemi e modelli per consentire misure preventive e di adattamento.

Kristin Aunan è a coordinatrice di uno dei progetti climatici e dice: “Attualmente, l'inquinamento atmosferico è il più grande killer in Europa quando si tratta di fattori di stress ambientale. Ma il fatto è che il riscaldamento globale può effettivamente amplificare i danni legati all'inquinamento atmosferico, e ciò può accadere in molti modi. Una cosa è che l'aumento delle temperature può effettivamente portare ad aumentare le emissioni di inquinanti atmosferici e aumentare le concentrazioni".

Lo studio esaminerà anche le conseguenze socioeconomiche di questi impatti, come ad esempio il modo in cui le malattie della salute diminuiscono o aumentano a seconda di criteri geografici, demografici e socioeconomici, ad esempio.

Ricerche mediche hanno già confermato connessioni dirette tra condizioni ambientali e malattie della salute.

Stefan Agewall dell'ospedale universitario Ullevaal di Oslo afferma: “Abbiamo identificato diversi fattori associati a un aumento dell'infarto miocardico, come l'inquinamento atmosferico con monossido di carbonio e anidride solforica e anidride nitrica. E anche la temperatura. Ma quello che pensiamo è che la combinazione di questi due, ad esempio un monossido di carbonio elevato insieme all'alta temperatura, potrebbe essere lo scenario peggiore".

Il nostro pianeta è di circa 1 grado più caldo rispetto ai livelli preindustriali. Ciò significa che eventi meteorologici estremi saranno sempre più probabili in futuro, anche se ci atteniamo al livello di riscaldamento globale di due gradi deciso da tutte le nazioni nel Accordo di Parigi.

Questi fattori ambientali possono peggiorare i danni alla salute, secondo gli scienziati del clima.

Afferma Jana Silmann del Centro Internazionale di ricerca sul Clima di Oslo: "Siamo ancora impegnati per un certo livello di aumento delle ondate di caldo e ci avranno un impatto e non sarà come quello che eravamo prima. Voglio dire, qualcuno ha detto che sarà diverso (rispetto a quello che abbiamo finora avuto) . Ci siamo impegnati a raggiungere un certo livello di riscaldamento e le ondate di caldo saranno più frequenti e più intense e che avremo degli impatti. E dobbiamo essere preparati per questo ".

Le persone anziane, i lavoratori che svolgono lavori fisici pesanti in ambienti non raffreddati e le persone con condizioni mediche preesistenti, come malattie cardiovascolari e insufficienza cardiaca, dovrebbero essere particolarmente vulnerabili all'aumento delle temperature. La capacità dell'uomo di adattarsi alle temperature in aumento diventa un fattore chiave.

Exhaustion ha accesso a registri sanitari retrospettivi unici sulla mortalità e morbilità per CPD in contesti dell'Europa settentrionale, centrale e meridionale. Inoltre esso si basa su un ampio database di serie temporali in uno studio osservazionale multi-paese.

Sulla base degli schemi di modellazione climatica più aggiornati, un gruppo di ricercatori greci sta sviluppando, nell'ambito del progetto, proiezioni di esposizione.

Klea Katsouyanni, docente di biostatistica all'università Kapodistriana di Atene: “Sappiamo che la temperatura di mortalità più bassa nei paesi del Mediterraneo è di circa 29 ° C e nei paesi dell'Europa centro-settentrionale è di circa 23 ° C. Quindi, c'è una differenza e la popolazione reagisce in modo diverso a temperature specifiche. Anche gli "effetti del freddo" sono più alti nei paesi del Mediterraneo, perché la popolazione non è adattata e, lo ripeto, l'adattamento non ha bisogno di essere adattamento fisiologico, può essere adattamento comportamentale. Quindi non ci aspettiamo il freddo, non abbiamo i mezzi protettivi per mitigare questi effetti".

Una domanda a cui gli scienziati, qui a Oslo, cercano di rispondere è come le persone potrebbero adattarsi, a lungo termine, a un clima più caldo di pochi gradi oa eventi di caldo intenso? Questo punto è fondamentale per disegnare strategie di adattamento sociale e urbano per limitare morti e malattie tra i gruppi vulnerabili.

Ma i cambiamenti climatici non sono senza soluzione. Le cose potrebbero anche cambiare.

Kristin Aunan: "Non è probabile che la relazione quantitativa tra stress termico e mortalità, che abbiamo avuto storicamente, continuerà in futuro, o almeno non lo sappiamo. Potrebbe benissimo essere che le società si adattino, poiché ci sono diverse misure di adattamento. Si può pensare a: costruire città più verdi, evitare l'effetto isola di calore urbano, implementare sistemi di allarme, ecc. Ci sono molte cose che possono accadere, che ridurranno effettivamente la vulnerabilità della popolazione europea, in futuro".

Altre informazioni qui.