This content is not available in your region

Zagabria l'elegante, tra palazzi austro-ungarici e street art

euronews_icons_loading
Zagabria l'elegante, tra palazzi austro-ungarici e street art
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Creativa, rilassata, elegante: Zagabria sorprende con la sua architettura austro-ungarica e la sua vivacità culturale. Non c’è posto migliore per sentire l’atmosfera di una città che visitare il suo mercato.

Explore Zagreb
Dolac marketExplore ZagrebPinna, Monica

Dolac è la piazza di scambio per eccellenza nella capitale croata. È il princiale mercato contadino dal 1930, nel cuore della città. E' situato a Kaptol, tra la città bassa e la città alta:

“tutti vi confluiscono per comprare, vendere o semplicemente incontrarsi”, spiega Alida Mezić, appassionata di cibo e guida turistica da anni.

Explore Zagreb
Dolac marketExplore Zagreb

Alida farà in modo che non ci manchi niente per cominciare la nostra giornata in stile locale, con la colazione tipica del posto: formaggio fresco con panna acida, sale, spezie, erba cipollina, aglio. Ovviamente si devono provare anche i krapfen locali.

E poi c’è il caffè. K&K è uno dei caffè tipici, è appartenuto a uno scrittore. I muri sono tappezzati di antiche foto di Zagabria e di personaggi del posto. “Qui prendere il caffé significa incontrare i tuoi amici e passare un momento tranquillo – dice Alida - Non è come in Italia dove il caffé si beve in un minuto. Qui devi prenderti il tempo. Inspiri, espiri e stai bene”.

Explore Zagreb
K&K CoffeeExplore ZagrebPinna, Monica

Zagabria in bici

Zagabria è una città perfetta da girare in bicicletta e Alida ne conosce ogni centimetro. Nella città bassa ci fermiamo di fronte al teatro nazionale. La facciata gialla è tipica dell’archietettura austro-ungarica.

Explore ZagrebPinna, Monica

Arrampicandoci verso la parte medievale, passiamo di fronte alla cattedrale in stile Gotico e alla coloratissima chiesa San Mark. Arriviamo alla torre giusto in tempo per il tiro di cannone di mezzogiorno.

Lo stile di questa città sta attirando sempre piú stranieri. Francisco Rendić è cileno e vive qui da un anno e mezzo. Lo abbiamo incontrato nel parco Zrinjevac, un posto per lui speciale:

“Qui mi sembra di viaggiare nel tempo. Penso a come era a vita ll’inizio del XX secolo, quando il treno Orient Express passava attraverso la città. Quindi ho una visione romantica di Zagabria”.

I musei e la street art

Di Zagabria si dice che è la città con il maggior numero di musei per metro quadrato. Ma uno di questi potrebbe essere la città stessa, grazie alla sua coloratissima street art.

Trovare i murales è come partecipare a una caccia al tesoro. I dipinti sono disseminati ovunque. Per scoprirli bastano scarpe comode e tanta curiosità.

L’arte di strada a Zagabria è fluida. Nuovi dipinti appaiono costantemente mentre altri sbiadiscono.

Foto di Monica Pinna
Un'opera di Krešimir GolubićFoto di Monica Pinna

Medika

Uno dei luoghi piú simbolici è Medika, un centro culturale autonomo dove gli artisti piú conosciuti continuano a lasciare il segno, accanto ai giovani emergenti.

“La prima generazione ha cominciato agli inizi degli anni Ottanta – racconta Krešimir Golubić, artista - Poi ha preso due direzioni diverse: street art e graffiti. È accaduto anche a Zagabria, ma in modo meno radicale”.

Lauba art gallery

Un approccio non tradizionale all’arte si sta diffondendo sempre piú, mantenendo comunque un legame con il passato. Lauba è un’ex scuderia austro-ungarica trasformata in una galleria d’arte contemporanea.

Qui trovano spazio anche artisti locali come Damir Sobota, con i suoi dipinti palindromi che si possono leggere in emtrambi i sensi.

Foto di Monica Pinna
Damir Sabota e uno dei suoi quadriFoto di Monica Pinna