ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Zero emissioni entro il 2050, ecco il nuovo Green Deal

Zero emissioni entro il 2050, ecco il nuovo Green Deal
Diritti d'autore
Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

La Commissione europea svela i dettagli del "Fondo di transizione energetica" come parte del programma di lotta ai cambiamenti climatici.

Il Fondo, di 7,5 miliardi di euro, aiuterà gli stati membri ad uscire dal carbone.

In totale l'Unione punta a spendere un trilione di euro per azzerare le emissioni di CO2 entro il 2050.

Il piano della Commissione prevede un cambiamento radicale del modello energetico per i trasporti, le abitazioni, e la riqualificazione dei lavoratori delle industrie inquinanti.

Secondo la nuova commissaria per le politiche di coesione Elisa Ferreira: "C'è bisogno di uno strumento di aiuto finanziario per attenuare i costi sociali della transizione energetica" .

Uno dei paesi che non può sostenere da solo i costi del green deal è la Polonia.

Per i politici polacchi questo è sicuramente un progetto che richiederà molti anni.

"Abbiamo bisogno almeno di uno o due decenni - afferma l'eurodeputato polacco Jerzy Busek, membro del partito popolare europeo - è impossibile trasformare la nostra economia in pochi anni, considerato che produciamo quasi l'80 per cento dell'elettricità dal carbone".

Ma qualcuno dubita che questi fondi, anche se massicci, porteranno a dei risultati significativi.

"Dubitiamo che questo fondo sia realmente collegato ad una transizione energetica - afferma Ska Keller, eurodeputata tedesca dei Verdi -. Mentre, ovviamente, il punto centrale di un piano di transizione è quello di aiutare le regioni a cambiare il loro modello energetico".

Infine rimane controversa la questione del nucleare.

Alcuni paesi come la Francia la ritengono una fonte pulita, mentre Germania e Austria non ammettono che venga definita verde.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.