ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'Unione Europea presenta il Green Deal, un piano d'azione per il clima

euronews_icons_loading
L'Unione Europea presenta il Green Deal, un piano d'azione per il clima
Diritti d'autore  ASSOCIATED PRESS   -   Dave Kolpack
Dimensioni di testo Aa Aa

La Commissione europea presenterà il Green Deal, un vasto programma politico volto a proteggere l'ambiente e il clima.

Il piano arriva appena dopo la pubblicazione di un rapporto dell'Agenzia europea per l'ambiente che sostiene il cambiamento radicale della politica.

L' elemento chiave del Green Deal è una proposta entro il prossimo marzo per una legge europea sul clima che contribuirebbe a rendere neutrale il clima dell'Unione entro il 2050.

"Io e i miei colleghi ci siamo mobilitati per cercare di costruire un messaggio forte e chiaro: Assicurarsi che l'Europa sarà il primo continente neutro dal punto di vista climatico entro il 2050" ha dichiarato Charles Michel, presidente del Consiglio europeo.

Secondo quanto riferito, il pacchetto di misure del Green Deal riformerà l'intera legislazione europea e istituirà un fondo di transizione di 100 miliardi di euro.

"Stiamo cercando di avere un approccio il piu possibile globale nella strada da intraprendere. È un invito a tutti i nostri partner a unirsi in questo impegno, per trovare le migliori soluzioni possibili per i nostri cittadini" ha commentato Frans Timmermans, vicepresidente esecutivo della Commissione europea.

I critici affermano che il programma non sia sufficiente per modificare l'energia, la mobilità, i sistemi abitativi e alimentari, in particolare la riduzione mirata delle emissioni di gas a effetto serra.

"Alla fine, la Commissione sta presentando al meglio un programma quasi già pronto. Mentre dovrebbe perseguire gli obiettivi necessari che gli scienziati ci stanno dicendo. Dobbiamo ridurre le emissioni seriamente e rapidamente. La Commissione deve arrivare a circa il 50-55 percento di riduzione entro il 2030, questo non è sufficiente" ha concluso Franziska Achterberg di Greenpeace.