ULTIM'ORA

no comment

Catalogna, i separatisti "ripuliscono" le fontane di Barcellona

Centinaia di separatisti catalani sono scesi in strada a Barcellona martedì 22 ottobre e hanno simbolicamente "ripulito" la città gettando il sapone in una fontana.

La regione del nord-est è stata scossa da sette notti consecutive di violente proteste dopo che nove leader separatisti catalani sono stati condannati per sedizione il 14 ottobre per aver guidato il fallito tentativo indipendentista del 2017, che includeva l'organizzazione di un referendum vietato.

L'atmosfera si è calmata da domenica 20 ottobre, ma i Comitati per la Difesa della Repubblica (CDR) restano attivi convocando manifestazioni come quella di martedì.

I principali partiti spagnoli hanno costantemente respinto le richieste di un referendum per l'indipendenza e il primo ministro Pedro Sanchez ha espresso sdegno verso il leader regionale catalano Quim Torra, durante una rapida visita in Catalogna lunedì 21 ottobre, accusandolo di non aver rispettato il suo dovere di ristabilire l'ordine e condannare le violenze.

Torra ha esortato Sanchez martedì "ad avviare un dialogo senza condizioni [...] in cui il governo catalano possa difendere il suo diritto all'autodeterminazione".

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.