ULTIM'ORA

The Brief From Brussels: Magid Magid irrompe nella politica europea

The Brief From Brussels: Magid Magid irrompe nella politica europea
Diritti d'autore
© European Union 2019 - Source : EP - Vincent VAN DOORNICK
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Un politico fuori dal comune

Di origini somalo-britanniche, il deputato verde Magid Magid rompe tutti gli stereotipi della politica. Dopo essere diventato famoso a livello nazionale come sindaco della sua città natale di Sheffield, Magid Magid è adesso determinato a far sentire la sua voce al al Parlamento europeo.

Prima ha chiamato Trump uno "stupido" e poi durante un suo intervento ha accusato il leader della Lega, Matteo Salvini, di essere un "codardo perché è un adulto che vede un bambino annegare e gli volta le spalle".

Vive in una zona multietnica a Bruxelles, in cui la maggior parte dei deputati non ha mai messo piede. Ed effettivamente la politica non è mai stata il suo sogno.

"Non ho mai desiderato fare il politico, ma quando ci sono state le elezioni europee mi sono detto ' mi rifiuto di credere che in futuro il nostro paese apparterrà a persone come Boris Johnson o Nigel Farage. Ci sono molte persone che possono fare meglio di Farage e dare una speranza al Paese".

Per lui le questioni più urgenti al momento sono l'immigrazione e la crisi climatica. "Siamo onesti: è più grave della Brexit. Per me sarebbe davvero sorprendente che l'Unione europea spingesse tutti gli Stati membri a farne una priorità anche per il bilancio da adottare per affrontare questa crisi".

Quando le persone lo guardano, lo vedono diverso dagli altri eurodeputati ma per lui non ha importanza. ·

"Non è che mi piaccia essere diverso: sono diverso, tu sei diverso, il cameraman è diverso. Ognuno è diverso nei propri diritti. Ed è importante che le persone si identifichino nei politici, nei loro leader. Beh, guardate il mio ruolo quando ero sindaco di Sheffield. Ero esattamente lo stesso, non sono cambiato, l'ambiente è cambiato ".

Scartare gli abiti neri per indossare magliette, cappellini e Doc Martens di tendenza di certo è tutt'altro che convenzionale.

C'è vita dopo l'UE?

Insieme, sono stati al timone dell'Unione europea per cinque anni, il presidente del Consiglio dell'UE Donald Tusk e il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker.

Dopo la fine del loro mandato cosa faranno?

Tusk è stato nominato ufficialmente successore di Joseph Daul come presidente del Partito popolare europeo (PPE), la famiglia politica di centro destra dominante in Europa.

Secondo quanto riferito, Tusk avrebbe il sostegno di molti leader democristiani, tra cui Daul.

Tusk deciderà a novembre.

Al contrario, Juncker, che compirà 65 anni a dicembre, ha deciso di ritirarsi dalla vita pubblica e ha dichiarato di voler scrivere un libro.

Il suo discorso davanti al Parlamento europeo questo martedì sarà probabilmente il suo l'ultimo di questo tipo.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.