Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

La sfida dell'arte concettuale al Turner Prize

La sfida dell'arte concettuale al Turner Prize
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Politica, globalizzazione, diseguaglianze sociali. Il Turner Prize, il premio più famoso del Regno Unito, organizzato dalla Tate Gallery e divenuto brand dell'arte concettuale, apre al messaggio dell'artista colombiano Oscar Murillo, tra i 4 finalisti selezionati dalla giuria. L'opera di Murillo è realizzata con 23 figure di cartapesta, che rappresentano la forza lavoro globalizzata.

"Per questa mostra, Murillo ha voluto concentrarsi sulla situazione sociale e politica del Regno Unito - spiega la curatrice Fiona Parry - Così, con questa enorme tela nera, ha intenzionalmente bloccato la vista verso il Mare del Nord. L'obiettivo è quello di rappresentare sostanzialmente l'oscurità in questo momento nel Regno Unito e nel mondo".

L'artista Lawrence Abu Hamdan indaga invece sui processi della memoria e del linguaggio, focalizzando l'attenzione sui diritti umani: alla Tate è stato selezionato in particolare per l'installazione audio visiva Walled Unwalled, che attraverso i suoni - pensati come elementi architettonici - ricrea particolari situazioni di impatto emotivo.

Un'altra candidata, la londinese Tai Shani, corre per il Turner Prize con 'Semiramis', una combinazione di performance, film, installazione e scultura. L'opera fa parte di un progetto quadriennale dell'artista, che ha dato vita a un oscuro mondo fantastico, ispirato al testo femminista del XV secolo della scrittrice francese Christine de Pizan.

Secondo Rowan Geddis, curatore, "Il punto non è tanto quello di fare polemica: è che gli artisti sono molto schietti e sviluppano il tema delle ingiustizie o delle questioni che pensano debbano essere affrontate. Leggo così anche l'edizione del premio di quest'anno".

Un riconoscimento che infine potrebbe premiare il lavoro della video artista Helen Cammock "A Long Note": un video che esamina il ruolo trascurato delle donne nel movimento per i diritti civili in Irlanda del Nord, iniziato nel 1968. Il vincitore del Turner Prize sarà annunciato il 3 dicembre.