Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

The Brief:

The Brief:
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

I giudici polacchi che lottano contro le riforme giudiziarie del governo conservatore hanno subito una battuta d'arresto.

Secondo l'avvocato generale della Corte di giustizia europea , il nuovo regolamento polacco per i procedimenti disciplinari contro i giudici non dovrebbe essere un caso sottoposto alla Corte di giustizia europea.

È difficile stabilire se i nuovi regolamenti limitino davvero l'indipendenza del potere giudiziario, ha affermato l'avvocato generale.

Le critiche sulle riforme giudiziarie sono nate semplicemente da una paura soggettiva che è ipotetica. Nel presente procedimento, diversi tribunali polacchi hanno affermato che il ministro della giustizia, attraverso la riforma giudiziaria, sarebbe in grado di influenzare le misure disciplinari contro i giudici.

I provvedimenti disciplinari potrebbero quindi diventare uno strumento per rimuovere i giudici impopolari.

Inoltre, i magistrati polacchi potrebbero essere costretti a esercitare un'obbedienza preventiva.

La decisione finale è ora nelle mani dei giudici della Corte di Giustizia europea.

Di solito viene seguita l'opinione dell'avvocato generale.

Più di recente, a giugno, la Corte di giustizia ha stabilito che la possibilità di pensionamento forzato dei giudici ha violato il diritto dell'Unione.

Le altre notizie da Bruxelles:

Corte Ue: nessun vantaggio fiscale a Starbucks dall'Olanda

La Corte di giustizia europea ha respinto la richiesta della Commissione europe a Starbucks di pagare fino a 30 milioni di euro di imposte arretrate ai Paesi Bassi.

Il caso fa parte della linea dura di Bruxelles sulle agevolazioni fiscali illegali offerte dai paesi dell'Unione alle multinazionali.

Ma i giudici non hanno rilevato alcun vantaggio economico dal regime fiscale offerto a Starbucks dai Paesi Bassi.

Eurobarometro: grande partecipazione dei giovani alle elezioni Ue

L'elevata affluenza alle elezioni europee del 2019 è stata caratterizzata dalla partecipazione dei giovani, secondo l'ultimo sondaggio di Eurobarometro.

A fare la differenza rispetto al passato sono i giovani sotto i 25 anni e tra i 25–39 anni.

L'affluenza generale ha superato il 50%, un record dal 1994.

L'Ungheria critica l'accordo di Malta

L'Ungheria ha criticato l'accordo raggiunto tra cinque Paesi dell'Unione Europea su un regime di ricollocazione temporanea dei migranti soccorsi in mare.

L'accordo concluso a Malta è una "versione aggiornata del sistema di quote dei migranti già fallito", si legge su un sito web del governo.

Il Primo Ministro Orban ha avvertito che i politici di sinistra nell'Unione "premono per un programma a favore dell'immigrazione".