Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Festival del fumetto: a Bruxelles il fumetto è donna.

Festival del fumetto: a Bruxelles il fumetto è donna.
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il festival del fumetto è un'istituzione a Bruxelles. L'evento è un'opportunità per scoprire talenti e far nascere vocazioni. Ma dietro questi personaggi di carta si racconta la realtà delle nostre società. Per questa decima edizione gli organizzatori hanno privilegiato le scrittrici per discutere dei diritti delle donne e della lotta alla violenza di genere. Nel suo ultimo album "Ho dovuto dirvelo" Aude Mermilliod racconta del suo aborto. Per lei questo è il mezzo ideale per affrontare temi di questo tipo.

"È un ottimo mezzo per esprimere le teorie sociologiche o per dare spazio all'attivismo perché attraverso moltissime grafiche si possono trasmettere idee o immagini a volte astratte. Funziona alla grande ed è un settore in espansione. Ce ne sono sempre di più, ci sono racconti che parlano del corpo o della famiglia oppure della storia della militanza".

Questa giovane generazione di artiste è felice di vedere il pubblico recepisce questi temi. Juliette Boutant è coautrice del nuovo volume "Les Crocodiles" in cui gli stalker sono rappresentati sotto forma di un rettile verde fluorescente. E ci dice che vede sempre più uomini leggere questi fumetti.

"Circa il 40% dei lettori sono uomini! Ciò consente alle donne di parlare, di esprimersi, di essere visibili e di sostenersi a vicenda. Spero che questo permetta agli uomini che ci leggono di interrogarsi sul loro comportamento".

Un trend che si riflette anche nella platea della conferenza. È davanti a un pubblico misto che le autrici hanno condiviso soddisfazioni, dubbi e speranze.