Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Carni, il Belgio chiede il divieto per la macellazione kosher e halal

Carni, il Belgio chiede il divieto per la macellazione kosher e halal
Diritti d'autore
أ.ف.ب
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

È scontro in Belgio tra il diritto di seguire la propria religione e i diritti degli animali.

Dal primo settembre la regione della Vallonia si è unita alla regione delle Fiandre per vietare la macellazione halal e kosher, una decisione che ha serie implicazioni per i macellai.

"Da quel momento dovremo chiudere i nostri affari. Non possiamo spedire carne che non sia halal" racconta un macellaio belga.

La macellazione di animali senza stordimento preventivo è già vietata in diversi paesi dell'Unione Europea. Il Belgio è l'ultimo a intraprendere le vie legali.

Il gruppo GAIA per il benessere degli animali insiste sul fatto che il divieto non prende di mira determinate comunità.

"Non si tratta assolutamente di un divieto religioso di macellazione . Niente affatto. È un divieto di macellazione senza stordimento ... Anche se segui le regole dell '" arte "significa che usi una lama molto affilata, e poi fai tutto secondo la tradizione religiosa, anche in quel caso l'animale soffrirà " spiega Michel Vandenbosch presidente di GAIA.

Le leggi dell'Unione sul benessere degli animali richiedono stupefacenti, ma consentono eccezioni religiose. Il massacro kosher e halal proibisce lo stordimento.

Alcuni credono che l'argomento del benessere degli animali sia stato dirottato dai politici per spingere i programmi anti-migranti.

"Questo regolamento è nell'agenda dell'islamofobia in Europa ... E ora ci sono problemi anche con le organizzazioni ebraiche. Ecco perché dobbiamo ricorrere alla giustizia insieme alle organizzazioni ebraiche"Mustapha Chiari presidente del colletivo contro l'islamofobia CCIB.

Mentre associazioni ebraiche e musulmane cercano di combattere il divieto in Vallonia. La corte costituzionale belga ha già inviato un caso alla corte suprema dell'Unione Europea per la regione fiamminga.

Una sentenza è prevista entro due anni e costituirebbe un precedente per il resto dell'Europa.