EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Si autoaccusa lupara bianca dopo 25 anni

Si autoaccusa lupara bianca dopo 25 anni
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MATINO (LECCE), 25 LUG - Dopo 25 anni, forse una svolta in un caso di lupara bianca legato agli anni bui della Sacra Corona Unita-Scu in Salento. I Carabinieri del nucleo investigativo di Lecce hanno trovato ossa umane in un pozzo nelle campagne di Matino e, a indicare il luogo, é stato un ergastolano legato alla Scu del Basso Salento, Angelo Salvatore Vacca, 52 anni, di Racale, detenuto a Milano per l'omicidio di Luciano Stefanelli e per associazione a delinquere di stampo mafioso. Avrebbe riferito alla Dda di Lecce che le ossa sarebbero quanto resta di Claudio Giorgino, un giovane di Taviano (Lecce) vicino alla malavita organizzata, scomparso all'inizio degli anni Novanta. Avrebbe detto agli inquirenti di essere stato lui a ucciderlo gettandolo poi nel pozzo, una confessione indotta da un peso sulla coscienza che, sostiene, non sarebbe stato più in grado di sopportare. Il procuratore aggiunto antimafia di Lecce Guglielmo Cataldi ha disposto accertamenti tecnici irripetibili sulle ossa, per accertare se sono del giovane.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

India, al via la decima edizione dell'International Yoga Day

In Belgio le lavoratrici del sesso potranno avere un contratto di lavoro

La Corea del Sud convoca l'ambasciatore della Russia: "Negativo" il patto di difesa tra Putin e Kim