Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Parlamento Europeo: estrema destra resta senza presidenze nelle commissioni

Parlamento Europeo: estrema destra resta senza presidenze nelle commissioni
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Gli eurodeputati di estrema destra non hanno ottenuto alcuna posizione nelle commissioni del Parlamento Europeo dopo che i principali partiti hanno deciso di boicottarli. I deputati sono suddivisi in 20 commissioni composte tra i 25 e i 73 membri, a cui si aggiungono anche i supplenti.

Per distribuire le presidenze e vicepresidenze in genere si utilizza una formula matematica, il metodo D'Hondt, inventato dallo studiosto belga Victor D'Hondt nel 1978 per l'attribuzione dei seggi nei sistemi elettorali che utilizzano il metodo proporzionale. Il sistema prevede che si divida il totale dei voti di ogni lista per 1, 2, 3, 4, 5... fino al numero di seggi da assegnare, e che siano assegnati in base ai risultati in ordine decrescente.

Ma questa volta non è stato seguito il metodo: il Gruppo Identità e Democrazia aveva chiesto le presidenze dei comitati Agricoltura e Affari Giuridici e sono state rigettate.

"E' una disgrazia, una mancanza di rispetto per la democrazia e specialmente per il Parlamento come istituzione. Le regole del Parlamento stabiliscono chiaramente che ogni opinone debba essere rappresentata. Anche il nostro gruppo dovrebbe essere rappresentato nelle commissioni, e invece è semplicemente ignorato dalla maggioranza, dal voto di maggioranza e in questo modo 21 milioni di elettori di Identità e Democrazia non sono rappresentati" ha affermato a Euronews Tom Vandendriesschel'eurodeputato belga del gruppo Identità e Democrazia.

Ma non è solo l'estrema destra che non ha ottenuto incarichi di rilievo, il gruppo Renew Europe ha deciso di bloccare tutti i candidati provenienti dai partiti polacco Diritto e Giustizia che siede nel gruppo dei Conservatori e l'ungherese Fidesz dei Popolari Europei, per le criticità nel rispetto dello stato di diritto in Polonia e Ungheria.

Verdi e Socialisti hanno sostenuto quest'iniziativa e sono riusciti a bocciare la candidatura dell'ex premier polacca Beata Szydlo, che aspirava alla presidenza della Commissione Lavoro

Inoltre, tre candidati per la vicepresidenza del partito ungherese Fidesz hanno chiesto di posticipare il voto per evitare una bocciatura.

"Tutti i membri della commissione Libertà civili, giustizia e affari interni di questi gruppi, sostenevano il principio che se prendiamo seriamente il lavoro sullo stato di diritto, non possiamo eleggere qualcuno, che rappresenta un partito che sta dristruggendo lo stato di diritto"ha spiegato l'eurodeputata ungherese Anna Donáth del gruppo Renew Europe.

Nonostante questo boicottaggio, un membro di Fidesz, l'alleato di Orban Tamas Deutch, è stato eletto vicepresidente della Commissione Controllo dei Bilanci, che indaga sull'uso improprio dei fondi Ue per il quale è sotto osservazione lo stesso Orban.