EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Iran: via all'arricchimento dell'uranio, ma si continua a trattare

Iran: via all'arricchimento dell'uranio, ma si continua a trattare
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Teheran offre 60 giorni all'Unione europea per definire un nuovo quadro negoziale

PUBBLICITÀ

Teheran conferma l'avvio dell'arricchimento dell'uranio, ma allo stesso tempo offre una finestra di 60 giorni ai paesi europei per lavorare a un nuovo quadro negoziale sul nucleare, che aggiri le sanzioni Usa e mantenga gli scambi economici con l'Ue. Lo ha detto in una conferenza stampa il viceministro degli Esteri iraniano Araghchi, che ha promesso di "far arretrare gli Stati Uniti dalle loro posizioni", lasciando intravedere un possibile ritorno alla trattativa. "Auspico che nei prossimi giorni, d'intesa con gli altri firmatari del trattato saremo in grado di lavorare su altre iniziative e su idee che possano portare a nuovi colloqui e a nuovi negoziati" ha detto Araghchi.

Immediata la reazione di Israele. Il premier Netanyahu, impegnato in una difficile campagna elettorale, si è rivolto ai paesi del gruppo di contatto: "L'arricchimento dell'uranio ha un solo scopo: quello di fabbricare un'arma atomica. I leaders dei Cinque paesi + 1 si sono impegnati a rimettere le sanzioni un minuto dopo che l'Iran lo facesse. E lo ha fatto. Voi dove siete?"

Teheran giustifica il suo ritorno allo sviluppo dei piani nucleari accusando Usa e Europa di aver violato l'accordo tra le parti, introducendo sanzioni economiche volute fortemente dagli Stati Uniti che stanno pesantemente segnando l'economia iraniana.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nucleare: scaduto l'ultimatum, l'Iran arricchisce l'uranio oltre i limiti

Iran, cosa succederà con la morte del presidente Ebrahim Raisi

Il capo dell'Aiea in Iran per chiedere controlli più severi sul programma nucleare del Paese