Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Il fascino di Cuba, tra passato, presente e futuro

Il fascino di Cuba, tra passato, presente e futuro
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Cuba seduce sempre, con quel mix di passato decadente e di intenso presente pieno di vitalità, cultura e arte.

Quest'anno L'Avana, la capitale dell'isola e centro economico-culturale del paese, sta festeggiando.
Il 16 novembre saranno 500 anni della sua fondazione con l'antico nome di Villa de San Cristóbal de La Habana.

Una vecchia città del Nuovo Mondo

L'Avana è una delle città più antiche di quello che i colonizzatori chiamavano il Nuovo Mondo.

Una storia che è ben evidente nel carattere della sua gente, nella sua architettura, nei suoi viali e nei suoi palazzi signorili che, a poco a poco, stanno rinascendo grazie ad un ambizioso piano di restauro della città.

Il Gran Teatro dell'Avana (inaugurato nel 1838), intitolato ora alla ballerina Alicia Alonso (nata nel 1920), tuttora vivente, fondatrice del Balletto Nazionale di Cuba.

Passeggiare, passeggiare, con calma...

Il modo migliore per conoscere questa città è passeggiare per le strade, le piazze e i parchi dell'Avana Vecchia, dell'Avana Centro e del quartiere del Vedado e mescolare la vita quotidiana della gente dell'Avana, che trascorre la maggior parte del tempo all'aria aperta.

Per le strade di L'Avana.

Qui nei Caraibi, la vita "di corsa" tipica del mondo occidentale non è contemplata.

Mentre tentavamo di attraversare la grande arteria del Malecón, il Lungomare di L'Avana, una donna ci ha preso per un braccio e ci ha chiesto sorridendo "Dove stai andando? Vai piano, senza stress".

E dato che abbiamo messo piede su quest'isola, tanto vale unirsi al dolce ritmo caraibico....

Un film degli anni '50, con le vecchie auto "american-style"

Un'altra delle grandi attrazioni della città sono le vecchie macchine "american-style" (ce ne sono anche di fabbricazione sovietica, un po' meno affascinanti), che ci riportano in un'altra epoca. Sembra di essere in un film degli anni '50.
Sebbene sia un'attività redditizia per il turismo, molti residenti dell'Avana non amano questi veicoli, perché sono molto inquinanti.

Per le strade di L'Avana con una vecchia auto, di fabbricazione sovietica.

Varadero, un Eden di acqua turchese

I viaggi su strada a Cuba sono lunghi, ma valgono tutte le ore necessarie, per contemplare i fantastici paesaggi tropicali dell'isola, i suoi villaggi pittoreschi pieni di vita e musica e le vecchie auto borbottanti (i cubani sono meccanici fantastici!) si muovono come se ci avessero spostati in un'altra epoca.

Dopo diverse ore di viaggio, ci siamo fermati a Varadero, la spiaggia più turistica di Cuba.
Un Eden di acqua turchese, dove si ha a disposizione tutto ciò che si può chiedere e altro ancora: una natura straordinaria, un servizio squisito, una vasta gamma di svago, ricreazione, lusso, relax e bellezza.

Cuba, nuvole e...bus!
Acqua limpida e cristallina: siamo a Varadero!

Abbiamo visitato il nuovo Hotel Varadero International, che ha appena riaperto i battenti dopo il governo cubano ha deciso, non senza polemiche e grande tristezza, di abbattere il vecchio hotel costruito negli anni '40 per una questione di sicurezza e di protezione delle coste.

L'impotente e lussuosa nuova struttura, ai piedi di una delle più belle spiagge dei Caraibi, ha cercato di ricreare lo stesso sapore e lo stile del precedente hotel.

L'Hotel Varadero International, visto dall'interno.

Santiago de Cuba, Villa Clara, il "Che" e la Revolución

Continuiamo il nostro viaggio a Santiago de Cuba, passando per la provincia di Villa Clara. La presenza del Comandante "Che" Guevara è in ogni angolo di questa bellissima città ed è proprio lui che ha portato la "Revolución" in questa parte centrale dell'isola.

I resti del "Che" oggi riposano in un enorme mausoleo a Santa Clara.
Una statua a grandezza naturale ricorda il grande mito della rivoluzione cubana, morto in Bolivia nel 1967.

La statua di "Che" Guevara a Santa Clara.

Mentre ci avviciniamo a Santiago de Cuba, capiamo meglio il significato del nome "Tierra Caliente". È la parte più settentrionale dell'isola e il caldo è intenso, soffocante.

Musica, santiagueros e francesi...

I colori di Santiago de Cuba.

La musica colorata esce dalle case a tutto volume: salsa, trova, son...
Santiago è la culla della musica cubana, del leggendario Compay Segundo (1907-2003).

La musica inonda tutto. Qui si dice che i santiagueros si muovono danzando.

Ma l'aspetto più curioso di Santiago de Cuba è il fatto di essere ai Caraibi, eppure le persone e le vie continuano a chiamarsi Dubois, Dupont, Lagart...

L'eredità francese è ancora molto presente. In città e sulla montagna, dove vivevano i francesi che fuggirono dalla rivoluzione haitiana alla fine del XVIII secolo e all'inizio del XIX secolo. Arrivarono con il denaro e il lavoro degli schiavi e svilupparono un'importante industria del caffè. Ma la cosa più interessante è che hanno portato l'Illuminismo e sviluppato un ambiente culturale elegante e raffinato proprio nel mezzo della montagna. Si parlava francese e creolo.

Panorama dalla Torre della Cattedrale di Santiago de Cuba.

L'impronta francese è tutta presente nella cucina, nell'educazione, nel modo di vestire, persino nel modo di parlare santiagueña, più piacevole e melodico che all'Avana.

Un pezzo di Cuba dentro "un'altra Cuba".

Il Museo Cafetal de Constantin, chiamato anche "La Isabelica". Testimonianza della presenza franco-haitiana sull'isola.
La catena montuosa della Gran Piedra, 25 km a sud-est di Santiago de Cuba.