Figlia anziano ucciso, 'Non è giustizia'

Figlia anziano ucciso, 'Non è giustizia'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 31 MAG - "È una sentenza profondamente ingiusta e sono profondamente delusa, se questa è la giustizia in Italia. Sono invece molto contenta che la Procura generale abbia fatto ricorso: ci fa sentire che lo Stato c'è". È la reazione della figlia di Lanfranco Chiarini, anziano imprenditore ucciso nella sua casa di Castel San Pietro (Bologna) il 3 gennaio 2017 da Desmond Newthing, richiedente asilo nigeriano, alla sentenza della Corte di assise di appello che, riconoscendo l'attenuante della provocazione, ha ridotto da 16 a 12 anni e 6 mesi la pena. Il sostituto procuratore generale Valter Giovannini è ricorso in Cassazione. "È stato ingiusta - è la posizione di Alice Chiarini, diffusa dall'avvocato Massimo Leone, parte civile - la concessione dell'attenuante, riconosciuta sulla base delle sole parole dell'imputato, che si è sempre avvalso della facoltà di non rispondere, per poi parlare con dichiarazioni spontanee e una lettera solo quando, a giudizio, le prove contro di lui erano schiaccianti".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti, l'Albania approva l'accordo sui Cpr dell'Italia

Vaticano: iniziati i lavori di restauro del baldacchino della Basilica di San Pietro

Dani Alves condannato a 4 anni e mezzo per stupro