Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Elezioni europee: la Polonia euroentusiasta

Elezioni europee: la Polonia euroentusiasta
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

La Polonia è sempre meno euroscettica. Quindici anni dopo l'ingresso nell'Unione europea, circa il 91% dei polacchi si dice contento di farne parte e l'85% crede che questo abbia un buon impatto sull'economia del proprio Paese. "Per una grande parte dei polacchi, si tratta di una vera comunità, nella quale partecipiamo e alla quale possiamo dare il nostro contributo", spiega il sociologo Jaroslaw Flis

L'euroentusiasmo non sorprende l'ex attivista democratico dell'opposizione Bogusław Sonik, membro dell'europarlamento fin dalle prime elezioni europee in Polonia. "I polacchi sono attaccati alla libertà, hanno sempre voluto far parte della parte libera del mondo occidentale", dichiara ai nostri microfoni.

L'Unione europea che piace a chi ha vissuto l'Unione sovietica

Il vento dei cambiamenti portati dall'Unione europea è stato sentito principalmente dagli anziani, che ricordano la Guerra Fredda e la dipendenza della Polonia dall'Unione Sovietica, come potete constatare da queste due testimonianze. "In passato, dovevamo avere un passaporto, il permesso per viaggiare all'estero. E oggi, con la carta d'identità in tasca, possiamo muoverci liberamente in tutta l'Unione europea: conoscere le persone, i loro costumi", dichiara un signore polacco.

"Penso che abbiamo fatto progressi economici in fretta! Il nostro Paese è cambiato molto", risponde una donna, sulla stessa linea di pensiero.

E i politici, come la pensano?

Il presidente polacco, Andrzej Duda, ha da poco proposto che l'adesione del Paese all'Unione europea venga inclusa nella costituzione. "L'Europa siamo noi! L'Unione europea siamo noi!", spiega in un messaggio alla nazione. "Chiunque stia provando a insinuare dubbi sulla nostra presenza nell'Unione europea sta agendo contro gli interessi della Polonia! Il nostro obiettivo e il nostro compito è mantenere una Polonia moderna in un'Europa unita!"

Mentre l'Unione europea connette i cittadini, allo stesso modo divide i politici. Nella campagna elettorale in corso, l'opposizione accusa chi governa di volere una Polexit.

"Compatrioti, ci troviamo di fronte a un'importante scelta: o una Polonia forte, ricca e democratica in un'Europa forte. Oppure, uno stato sulla via d'uscita dall'Unione europea", dichiara in un comizio Grzergorz Schetyna, leader della Coalizione Europea.

Mateusz Morawiecki, primo ministro polacco, chiede unione al Paese: "Faccio appello a tutte le forze politiche: discutiamo, perché questa è l'essenza della democrazia, ma non mettiamo in pericolo la nostra posizione in Europa".