ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sondaggi, Elezioni Ue: dimezzati i seggi dei Conservatori e Riformisti Europei

Sondaggi, Elezioni Ue: dimezzati i seggi dei Conservatori e Riformisti Europei
Diritti d'autore
© European Union 2019 - Source : EP - Mathieu CUGNOT
Dimensioni di testo Aa Aa

Nelle elezioni europee 2019 i conservatori e riformisti europei rischiano di scomparire.Il terzo gruppo più numeroso del Parlamento Europeo, vedrà dimezzato il numero dei seggi.

Il gruppo è noto per la divisione interna tra i suoi membri, ma ciò che li tiene sempre uniti è l'avversione nei confronti dell'Unione Europea.

" L'Unione Europea non è uno stato, la Commissione europea non è un governo e noi siamo una famiglia europeista, sì, ma anti-federalista, e questo sarà anche uno dei miei messaggi principali della campagna" ha affermato Jan Zahradil, ceco, candidato con i conservatori.

Nonostante il populismo in aumento in Europa, le elezioni europee potrebbero suonare la campana a morto per i conservatori europei.

Nella legislatura uscente, i Conservatori avevano 70 seggi al Parlamento Europeo, 38 eurodeputati provenivano dal Regno Unito e dalla Polonia, occupavano 19 seggi a testa.

6 erano tedeschi, 4 provenivano dal Belgio e dall'Italia.

I deputati restanti provenivano da altri 13 paesi con non più di tre membri.

Il partito euroscettico è stato fondato dopo le elezioni del 2009 per volere dell'allora leader britannico David Cameron che non voleva schierarsi con i cristiano democratici europeisti.

Isolandosi dai partiti principali di centro-destra in Europa, i conservatori si sono assicurati, volontariamente o meno, di non aver avuto alcun ruolo in nessuna attività significativa dell'Ue.

Oggi, poiché i Tories sono tra i principali attori della Brexit nel Regno Unito, i conservatori quasi ignorano le elezioni europee. I sondaggi suggeriscono che i conservatori britannici potrebbero perdere metà dei loro deputati o più.

Con i Tories britannici in gravi difficoltà, il secondo pilastro dei conservatori e riformisti è il partito nazionalista polacco PiS dell'area guidata da Jaroslaw Kaczynski.

Il PiS si oppone al ricollocamento dei migranti in Polonia sostenendo che i rifugiati portino malattie, è contro i diritti degli omosessuali, l'aborto e il cattolicesimo socialista-conservatore.

"La Chiesa è ancora l'unico depositario dei nostri valori." Chi si esprime contro la Chiesa, vuole distruggerla, e si pone contro la Polonia" ha affermato Jaroslaw Kaczynski.

Durante la campagna del 2019, il PiS e altri membri dell'ECR hanno guardqto qd altri partiti nazionalisti in Europa per formare un nuovo gruppo dopo le elezioni.

Non è sicuro se l'ECR riuscira a sopravvivere al grande scossone che subiranno i Tories britannici che saranno drasticamente ridotti (fino alla Brexit) e ai polacchi che sono verso l'uscita.

Il nome del partito potrebbe scomparire, ma le forze euroscettiche saranno ancora lì.