Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

La caricatura di Bashar-al-Assad vince il World Press Cartoon

La caricatura di Bashar-al-Assad vince il World Press Cartoon
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Ci fanno pensare, sorridere, ridere e forse anche piangere. Stiamo parlando dei disegni esposti al "World Press Cartoon", a Caldas da Rainha, in Portogallo. Una mostra inaugurata il 4 maggio, poco dopo il Gala per gli Awards. Tra i temi al centro dell’evento, la questione ambientale.

"Inquinamento, ecologia, riscaldamento globale - che sono i volti della stessa medaglia – sono argomenti molto presenti: questi cartoni rappresentano un aumento della sensibilità della gente e dei vignettisti su questi temi. Abbiamo, ad esempio, cartoon con personaggi come Trump, Putin, leader che segnano l'agenda politica - e questo si riflette anche qui, nella mostra", ci ha raccontato António Antunes - Direttore del WPC e fumettista.

Javier Carbajo e Sara Rojo, vincitori della manifestazione, si sono aggiudicati 10.000 euro ciascuno, grazie a una caricatura di Bashar Al-Assad: un lavoro a quattro mani! Qualcosa di raro nel mondo dei cartoni animati:"Di solito le persone gareggiano da sole, ma a noi piace lavorare insieme, abbiamo lavorato insieme anche su altri progetti. Questa caricatura l’abbiamo fatta molto tempo fa, è un personaggio che ci interessa personalmente", ha spiegato Sara Rojo.

Ambiente, questioni internazionali, scandali e Brexit: i temi dei fumetti

La Siria, ma anche Jamal Khashoggi - il giornalista saudita ucciso in Turchia – e poi la questione delle migrazioni, l'elezione di Bolsonaro o la Brexit: sono stati alcuni dei temi che hanno ispirato i vignettisti. Al concorso in gara oltre 900 opere, provenienti da oltre 68. La selezione dei lavori migliori è stata fatta da una giuria internazionale composta da celebri fumettisti del calibro di Maria Picassó (Spagna), Óscar Grilo (Argentina), Cássio Loredano (Brasile), dal designer Manuel Peres (Portogallo) e dal direttore del concorso, il vignettista portoghese António Antunes.

Il primo per l’Editorial-cartoon è andato a un disegno su Cuba di Rameses: "Mi sono ispirato a tutto quello che sta accadendo, a tutti questi cambiamenti in atto, è per questo che ho ripreso un’idea, quella su Cuba, che avevo messo da parte. In quel paese c’è ancora molo da fare, e ci sono molte generazioni che porteranno avanti questo cambiamento che desideriamo tutti, vogliamo e dobbiamo migliorare il nostro paese, la nostra amata isola.”

Al centro della manifestazione anche questioni sociali come gli scandali della pedofilia nella Chiesa o la dipendenza dagli smartphone e dai pc. Nella categoria “Gag-Cartoon”, a colpire la giuria è stato un disegno del messicano Boligán. "Ricarica", questo il titolo dell’opera. "E’ un disegno apparentemente umoristico, ma rispecchia abbastanza la società in cui viviamo: ho cercato di mettere a confronto l'essere umano con le tecnologie, con i cellulari, che a volte richiedono una ricarica di 10 minuti per continuare, tutto ha bisogno di una pausa", ha sottolineato il fumettista.

La 14esima edizione del World Press Cartoon è in esposizione al Centro Culturale a Caldas da Rainha. 280 cartoon animati da tutto il mondo. Avete tempo fino al 28 luglio.