ULTIM'ORA

Le cozze: i frutti di mare più ecologici al mondo

Le cozze: i frutti di mare più ecologici al mondo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

La promozione di usi sostenibili e innovativi delle risorse del Mar Baltico - come l'allevamento di cozze di Tim - richiede un grande coinvolgimento da parte delle aziende e dei settori della politica e della ricerca. "Rete sottomarina", l'organizzazione di Angela Schultz-Zehden gestisce vari gruppi di lavoro e progetti come "Baltic Blue Growth".

“L'ambizione e l'importanza di questo progetto è di riunire tutti questi allevamenti per passare dalla ricerca a un vero business e dimostrare che gli allevamenti di cozze sono un modo per eliminare i nutrienti in eccesso nel Mar Baltico. In questi 3 anni i mitilicoltori, insieme a ricercatori a politici e a persone come me, hanno lavorato insieme per dimostrare che questo è davvero fattibile", ci spiegala Direttrice Angela Schultz-Zehden.

ALLEVAMENTI DI COZZE PER UN MARE PIÙ PULITO

“Ora che questi allevamenti di cozze sono operativi, abbiamo acquisito la certezza che si potrà continuare a lavorare anche dopo la fine del progetto! Ci sono allevamenti di cozze in aree dove gli impianti di trattamento dei rifiuti non funzionano, dove in realtà non è possibile ridurre i fertilizzanti. Si tratta in genere di alcuni arcipelaghi in cui questi allevamenti possono davvero fare la differenza. E’ abbastanza complicato capire quanti allevamenti di cozze servono davvero, ma come ho detto è molto importante prendere misure per agire. Inoltre un allevamento di cozze non è solo un bene per il mare, lo è anche per gli essere umani perché porta un nuovo tipo di fonti di proteine da utilizzare nell'alimentazione dei pesci o nei mangimi per polli. Quindi stiamo parlando forse di coivolgimento di un centinaio di persone. Se così sarà, sarà davvero una grande sfida", conclude Angela Schultz-Zehden,

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.