ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Stato dell'Unione: Lavoro, la lunga strada dei diritti

Stato dell'Unione: Lavoro, la lunga strada dei diritti
Dimensioni di testo Aa Aa

Questa settimana, come ogni anno, i lavoratori hanno celebrato la giornata internazionale del lavoro. Per i sindacati è un'occasione per porre al centro del dibattito la lotta per i diritti. Si potrebbe pensare che nell'Europa del 21°secolo non ci siano più tanti motivi di lotta. Ma non è così, il mondo del lavoro è sempre più precario, i contratti part time e a termine si sono moltiplicati negli anni. Solo in Italia, secondo i dati di Eurostat che prendono in analisi il 2017, due terzi dei lavoratori che svolgono un lavoro part time lo fanno involontariamente.

I lavoratori continuano a chiedere migliori condizioni per lavorare in sicurezza, contratti che rispettino le regole e la dignità della persona. Ogni anno 200mila persone muoiono a causa di malattie e incidenti connessi al lavoro. Il cancro derivante dal lavoro è la prima causa di morte: quasi 100mila decessi all'anno.

Fondi Ue, accuse di corruzione in Ungheria

Una delle cose positive dell'Europa è che le istituzioni lavorano per il bene di tutti. Nessuno dovrebbe essere lasciato indietro. Tuttavia, a volte i fondi Ue scompaiono nel nulla o sono stati semplicemente rubati, sostengono esperti di corruzione.

Un deputato ungherese dell'opposizione, Akos Hadhazy, all'inizio di questa settimana, ha dichiarato che l'Ungheria ruba il 30% dei fondi Ue .

Il ministro degli Esteri Peter Szijjarto ha commentato così : "Ovviamente è una dichiarazione inaccettabile, l'Ungheria contribuisce al successo dell'Unione, il Paese ha adempiuto ai suoi obblighi nei confronti dei trattati, la strada su cui i fondi europei arrivano non è una strada a senso unico, è una strada a doppio senso".

Elezioni Ue, Euronews intervista Violeta Tomic

E' tempo di elezioni e i candidati stanno intesificando la campagna elettorale. A Euronews, abbiamo invitato tutti i candidati principali per rispondere alle nostre domande.

Questa settimana è stato il turno di Violeta Tomic della Slovenia, la candidata della Sinistra Europea. Tomic, conosciuta come attrice e presentatrice televisiva, durante l'intervista ha spiegato la scelta di entrare in politica : "È inaccettabile che ci siano persone che lavorano 8 ore al giorno, 40 ore alla settimana e non riescono a sopravvivere con i loro stipendi - sostiene Tomic - non si può accettare una cosa del genere".

I principali appuntamenti della prossima settimana:

Lunedì i ministri dell'Ambiente dei paesi G7 si incontrano nella città francese di Metz per preparare il prossimo vertice G7 a Biarritz.

Sempre lunedì , il Segretario di Stato USA Mike Pompeo inizia il suo viaggio in Finlandia.

Nei tre giorni seguenti incontrerà i leader europei, incluse Angela Merkel e Theresa May.

Giovedì i capi di stato e di governo europei si incontreranno a Sibiu, in Romania, per un summit informale, dove pongono le priorità per il futuro dell'Europa.