Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Arte, cultura e panorami mozzafiato: Asheville è il paradiso creativo del North Carolina

Arte, cultura e panorami mozzafiato: Asheville è il paradiso creativo del North Carolina
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

La cantante e compositrice francese Laetitia Shériff è in viaggio negli Stati Uniti a caccia di scoperte musicali, storiche e culturali. Per questa tappa del suo viaggio ha visitato la "Terra del Cielo", Asheville, in North Carolina

Asheville prende il suo soprannome dalla sua posizione spettacolare, circondata dai monti Blue Ridge e Great Smoky, ambiziosamente rivolti al cielo.

"La natura è ovunque qui", dice Laetitia. "I monti Blue si vedono praticamente da ogni luogo della città. C'è qualcosa di particolare nella luce qui. MI avevano dello della reazione chimica che c'è tra il sole e gli alberi della foresta che dà quel colore blu. Ma bisogna vederlo per crederci! "

Una città con un'anima artistica

Con tutta questa natura che circonda la città, non mancano le attività per chi ama stare all'aperto, ma anche chi ha interessi culturali potranno farsi viziare dalla vibrante scena artistica di Asheville.

La città deve le sue credenziali artistiche a George Vanderbilt. Nativo di Staten Island, nello stato di New York, Vanderbilt si innamorò del luogo e, nel 1888, inizio la costruzione di una residenza di campagna. Il risultato fu, su 3.000 ettari, il Biltmore Estate, ma per completarlo fu necessario reclutare un esercito di artisti e artigiani, e molti di loro decisero di stabilirsi nei dintorni, dando origine alla comunità artistica che vive qui oggi.

"Mi sono raramente sentita così negli ultimi anni", aggiunge Laetitia. "La mentalità delle persone in questa città mi ha resa felice e ottimista. Qui, è essenziale stare insieme e ancora di più lo è espremirsi facendo arte".

Il paradiso della birra

Asheville sostiene di avere più birrifici artigianali per abitante di qualunque altra città americana e ha ottenuto per la prima volta nel 2009 il titolo di "Città della Birra" assegnato da Examiner.com, guadagnandosi la reputazione di essere un punto di riferimento per la grande birra artigianale.

I visitatori possono partecipare a diversi festival della birra, così come a vari tour dei birrifici: in tutta la città sono in vendita un centinaio di birre prodotte localmente. Altre specialità locali includono dolci, dolcetti e perfino cosmetici alla birra.

Insomma, se volete bervi una pinta, avrete l'imbarazzo della scelta. Un posto raccomandato da Letizia dopo esserci stata durante il suo viaggio sono le Wedge Breweries: tutte le birre sono prodotte sul posto e non le troverete da nessun'altra parte.

Da non perdere: una carrellata delle nostre destinazioni preferite ad Asheville

Fan di musica, adrenalina-dipendenti, appassionati di letteratura... ce n'è per tutti in questa selezione che abbiamo fatto dei luoghi da visitare ad Asheville e dintorni.

  1. L'immenso Biltmore Estate è la più grande residenza privata degli Usa. Costruita da George Washington Vanderbilt come una "piccola evasione in montagna", i 16.622 metri quadrati della Biltmore House sono un esempio di spicco dell'architettura dell'"età dell'oro" americana. "È folle", commenta Laetitia. "È un progetto incredibile che Vanderbilt ha lasciato all'America. Un cimelio impressionante quanto la reggia di Versailles".

2. The Orange Peel Social Aid & Pleasure Club, conosciuto come "The Orange Peel" è un locale musicale noto per dare spazio a band emergenti e artisti leggendari. Bob Dylan, Lauren Hill, Hootie & the Blowfish e i Beastie Boys vi si sono esibiti lì dall'inaugurazione, nel 2002. Per Laetitia, vedere gli Oh Sees è stata una rivelazione: "Mi ha dato tanta gioia ed emozione ... i rock fan sono i migliori che abbia mai incontrato".

  1. Chimney Rock è il fulcro del Chimney Rock State Park e si trova a circa un'ora a sud della città di Asheville. È di gran lunga l'attrazione più antica della nostra lista, con i suoi 535 milioni di anni. I visitatori possono fare un'escursione allo sperone di granito alto 96 metri per ammirare panorami che si estendono per 120 chilometri. Attenzione: non è un'impresa per i deboli di cuore.

4. Thomas Wolfe (1900 - 1938) è un gigante della letteratura americana e forse il nome più famoso di Asheville. I visitatori della città possono seguirne le orme, visitare la sua casa d'infanzia, la pensione "Old Kentucky" di sua madre e il teatro che si trova dietro. I suoi lettori riconosceranno senza dubbio molti dei punti di riferimento che ne costellano gli scritti autobiografici.

5. Ci sono molti posti dove fare zipline in tutto il mondo, ma a Navitat l'esperienza è su un altro livello. Gli amanti del brivido possono lanciarsi sopra gli alberi a velocità folli circondati dalla bellezza dei monti Blue Ridge. "Saltare sulla zipline è un po' come quest'avventura delle Notes from the USA", dice Laetitia. "Avevo solo un pensiero in testa: rifarlo di nuovo."

La colonna sonora di una città

Per accompagnarvi nella vostra visita ad Asheville, ecco una bella colonna sonora di ispirazione locale:

"Sun's Gonna Shine", uno dei brani di Bright Star, il musical del 2014 di Steve Martin ed Edie Brickell su Asheville.

Il cantante country Dierks Bentley ha registrato il suo sesto album in studio in cinque giorni all'Echo Mountain Studio di Ashevill, con 30 mila fan a seguirlo on line. "Am I The Only One" (2011) è stato un successo istantaneo.

Rising Appalachia è stata una delle band che hanno lavorato con l'Asheville Symphony Orchestra ad aver prodotto l'album cross-over The Asheville Symphony Sessions (2016). "Filthy Dirty South" è il primo brano dell'album.

"I Put a Spell on You" (1965) di Nina Simone, cresciuta nella vicina Tyron.

In "Long Stretch of Love" dei Lady Antebellum appare uno strumento degli Appalachi, chiamato Woodrow, che è prodotto solo ad Asheville.