ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le elezioni di metà mandato americane e i preparativi per quelle europee

Lettura in corso:

Le elezioni di metà mandato americane e i preparativi per quelle europee

Le elezioni di metà mandato americane e i preparativi per quelle europee
Dimensioni di testo Aa Aa

Trump perde la Camera ma resterà sempre Trump

Durante i suoi primi due anni in carica, l'Europa è diventata il bersaglio preferito di Donald Trump. L'establishment di Washington, amico dell'Europa, non è riuscito a trattenerlo. A volte, le politiche di Trump sembravano volte a spingere un cambio di regime a Berlino e Londra piuttosto che a Pyongyang o a Mosca. Ora che Trump ha perso la sua presa sulla Camera, molti in Europa sperano in un tono più morbido da parte della Casa Bianca. Ma Corinna Hörst, analista del German Mashall found è scettica.

"Trump continuerà la sua agenda incentrata sulla sovranità e continuerà a usare un linguaggio nazionalista. Di sicuro Trump non cambierà la sua opinione sull'accordo sul clima, non cambierà le sue opinioni sulle organizzazioni multilaterali o sull' Iran, quindi sarà più o meno lo stesso".

Vista l'ostilità di Trump nei confronti dell'Europa su questioni come la NATO o i dazi, la Francia ritiene che l'atteggiamento del presidente americano debba essere un incentivo per sostenere l'unità europea.

Shada Islam, direttore del think tank Friends of Europe, si spinge ancora oltre.

"Non possiamo disimpegnarci dagli Stati Uniti, ma ciò non significa che non dovremmo impegnarci con altri partner. Per questo motivo è importante coinvolgere e raggiungere il Canada, il Giappone e la Cina, che non è il nostro nemico, non è un concorrente strategico per noi. Possiamo lavorare con la Cina, se teniamo gli occhi aperti e lo facciamo in modo corretto ".

I prossimi due anni saranno fondamentali per capire se il partenariato transatlantico è un legame indissolubile o meno.

In lizza al Partito Popolare Europeo

La destra europea si riunisce a Helsinki per eleggere il suo candidato di punta per le elezioni europee. Il tedesco e presidente del Partito Popolare Europeo presso il Parlamento, Manfred Weber, si trova ad affrontare l'ex primo ministro finlandese Alexander Stubb.

Il vincitore guiderà il gruppo verso le elezioni europee, sperando di diventare il prossimo presidente della Commissione europea.

Brexit sempre più lontana, premier irlandese scettico

Si fanno sempre più deboli le possibilità di concludere un accordo sulla Brexit entro novembre. Lo ha detto mercoledì il primo ministro irlandese, Leo Varadkar. I leader europei speravano a metà mese di poter suggellare il divorzio tra Londra e Bruxelles, ma resta irrisolto il dilemma di un ritorno dei controlli di frontiera tra l'Irlanda e la provincia britannica dell'Irlanda del Nord

"Penso che, con ogni giorno che passa, la possibilità di avere un vertice speciale a novembre si riduce", ha detto Varadkar ai giornalisti dopo aver incontrato il primo ministro finlandese, Juha Sipila.

La solidarietà non è un reato

Tra le 300 e le 500 persone, hanno manifestato mercoledì mattina davanti al tribunale di Bruxelles per mostrare la loro solidarietà verso i migranti e i loro ospiti, il cui processo doveva aver inizio in mattinata.

Davanti al palazzo di giustizia è stato installato un soggiorno con una porta per simboleggiare l'accoglienza solidale dei migranti. "È nei loro salotti che i padroni di casa hanno accolto i migranti, hanno mostrato umanità", ha detto un manifestante. La solidarietà non è un crimine. "Questo posto deve rimanere un posto dove le persone si sentono al sicuro quando accolgono o quando sono accolte".

Dodici persone sono state accusate di legami con organizzazioni criminali e tratta di esseri umani per aver ospitato immigrati clandestini senzatetto nelle loro case.