ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il marito di Asia Bibi chiede asilo

euronews_icons_loading
Il marito di Asia Bibi chiede asilo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il marito di Asia Bibi, Ashiq Masih, ha chiesto aiuto per la moglie e la sua famiglia in un video messaggio, una richiesta di asilo a Gran Bretagna, Stati Uniti e Canada, dopo che le proteste degli integralisti islamici in Pakistan hanno convinto il governo di Imran Khan a bloccare il rilascio della donna, assolta dall'accusa di blasfemia.

Perché Asia Bibi non è proprio libera. L'accordo tra il governo e il partito Tlp prevede che le autorità impediscano ad Asia Bibi di lasciare il Paese e non si oppongano alla richiesta di revisione della sentenza dell'Alta Corte. Una mezza vittoria dopoché si sono moltiplicate le proteste di chi vuole una cosa sola: che Asia Bibi sia impiccata come afferma uno dei leader di un partito islamico. Resteremo in strada fino a quando questa donna non verrà uccisa. Non ci faremo scoraggiare da questo governo".

Persino l'avvocato di Asia Bibi, ha lasciato il Pakistan affermando che la sua vita è in pericolo. Il legale, costretto alla fuga per 'minacce da parte di una branca di avvocati', è atterrato all'aeroporto di Fiumicino, con un aereo di linea della compagnia aerea Turkish Airlines proveniente da Istanbul ed è poi partito alla volta di Amsterdam.

Anche se la storia processuale della donna è finita positivamente, la storia delle persecuzioni dei cristiani in Pakistan invece continua. L'anno scorso, sotto Natale un kamikaze fece oltre 50 morti in una chiesa metodista a Quetta. L'attentato venne rivendicato dalla sezione locale di Isis.