EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Le vessazioni sessuali anche a Google, i dipendenti in piazza

Le vessazioni sessuali anche a Google, i dipendenti in piazza
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo l' inchiesta del New York Times esplode anche all'interno del colosso del web Google la protesta contro le molestie sessuali subite da molte donne e non solo. Per risolvere il problema non basta più l'arbitrato

PUBBLICITÀ

L'ora del me too arriva anche per Google: i dipendenti del gigante del web e, non solo le dipendenti donne, in varie città del mondo sono scesi in piazza per protestare contro i casi di molestia sessuale in ambito aziendale, denunciati in una recente inchiesta del New York Times, e che secondo le accuse sarebbero stati, in vario modo 'coperti' dalla dirigenza della multinazionale.

Un dipendente della filiale della California J.J. Wanda dice di aver visto amici "colpiti da questo stato di cose, ho visto le loro carriere distrutte, ma non riguarda solo Google, è dappertutto nelle aziende tecnologiche. Dobbiamo dire basta e questo è il miglior modo per farlo".

Alla 'marcia delle donne' hanno partecipato centinaia di dipendenti a Londra, Tokyo, Singapore, Berlino e Zurigo. La richiesta è quella di un cambio nel modo di affrontare le accuse di molestie e gli abusi di genere, inclusa la fine del ricorso obbligatorio all'arbitrato, che darebbe invece la possibilità di ricorrere alla denuncia penale.

Intanto ci mette una pezza l'amministratore delegato di Google, Sundar Pichai, che ha difeso l'azione dei dipendenti e il il loro diritto a protestare.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti, condannato il figlio di Biden Hunter: "Rispetto la giustizia" dice il presidente Usa

Trump colpevole per i pagamenti a Stormy Daniels: prima condanna a un ex presidente, pena a luglio

Usa, l'ex vicepresidente Pence: "Io contro l'isolazionismo, dobbiamo sostenere gli alleati"