This content is not available in your region

Nba: Rose e il calvario a lieto fine

Access to the comments Commenti
Di ANSA

(ANSA) – ROMA, 1 NOV – Anni di sofferenza, tra infortuni e
terapie riabilitative, prima dell’urlo liberatorio. E le
lacrime. Derrick Rose è stato sommerso dall’abbraccio dei
compagni, al termine di un’esibizione da Oscar. Ha giocato la
miglior partita in Nba dei suoi ultimi sei anni. Lo confermano i
50 punti garantiti alla propria squadra, Minnesota Timberwolves,
34 dei quali realizzati nel secondo tempo, 15 nel quarto tempo.
Praticamente, un exploit contro i malcapitati Utah Jazz. Rose è
reduce da un calvario durato sei anni: nel 2012, quando giocava
a Chicago, nella sfida contro Philadelfia – già acciaccato, ma
tenuto ugualmente in cambio – Rose rimediò un gravissimo
infortunio al ginocchio che lo costrinse a scalare un Everest a
mani nude. “Ho fatto sforzi enormi per farmi trovare pronto, non
riesco bene a spiegarlo con le parole”, ha commentato, al
termine di una performance che rimarrà nella storia.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.