ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ceuta: l'enclave spagnola, miraggio dei migranti

Lettura in corso:

Ceuta: l'enclave spagnola, miraggio dei migranti

Ceuta: l'enclave spagnola, miraggio dei migranti
Dimensioni di testo Aa Aa

Una recinzione lunga più di otto chilometri circonda Ceuta, un'enclave spagnola situata nel Nord Africa. Il suo obiettivo è impedire l'arrivo di migranti. Fin dalla sua costruzione, iniziata nel 2000, è stata rinforzata, anche tramite "concertinas" (piccole lamette di ferro), e dotata delle tecnologie più avanzate. Le pattuglie della guardia civile presidiano l'enclave e ci mostrano i due recinti paralleli di 6 metri di altezza, un sistema di sensori esterni che è collegato a una sala di controllo centrale dove possiamo rilevare qualsiasi tentativo di intrusione e anche un sistema di telecamere.

I migranti che riescono comunque a entrare a Ceuta sono accolti in questo centro di soggiorno temporaneo ... dove non sono ammesse telecamere.

Euronews ha potuto visitarlo e parlare con il direttore, José Manuel Duran Alguacil, che gestisce i problemi legati al sovraffollamento.

"In effetti ci sono 512 posti disponibili, ma attualmente ne sono occupati 890, quindi questo sovrapopolamento ci porta a lavorare in modo un po' diverso da quello che vorremmo con gli immigrati".

Qui i migranti aspettano la polizia per essere identificati e sapere quale sarà loro prossima destinazione.

E ricordano il loro lungo viaggio dalla Guinea attraverso il deserto, l'Algeria, il Marocco ... Fino al momento in cui sono saltati oltre il recinto.

"C'erano persone che soffrivano durante il viaggio - racconta uno dei migranti- Anche io riportavo ferite, la mia gamba era lacerata. È stato difficile".

La Spagna ha accordi di riammissione con cinque paesi africani, tra cui il Marocco, con il quale collabora anche alla sorveglianza delle frontiere.

Ma questa cooperazione ha un prezzo, come ci racconta Paula Domingo, che lavora con i migranti che arrivano a Ceuta.

"Il Marocco sta davvero sfruttando la sua situazione in maniera strategica e, naturalmente, sta ottenendo molti favori e molti soldi dall'Unione Europea. Poi quando vuole ottenere qualcosa in più, apre la frontiera (per permettere ai migranti di entrare in Europa".

Il Marocco ha chiesto 130 milioni di euro dall'Unione europea per collaborare alla lotta contro l' immigrazione. La Spagna sostiene le richieste di Rabat su questo punto.

Il sistema di sorveglianza che la Spagna ha stabilito a Ceuta è stato attentamente studiato dall'Unione europea. E può anche essere considerato come un precursore delle politiche che devono essere adottate a livello europeo.