EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Sudafrica: trovato in una grotta il disegno umano più antico di sempre

Marcature rosso ocra su una piccola pietra scoperta nella grotta di Blombos
Marcature rosso ocra su una piccola pietra scoperta nella grotta di Blombos Diritti d'autore Craig Foster/Handout via REUTERS
Diritti d'autore Craig Foster/Handout via REUTERS
Di Alice TideyReuters
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Sudafrica: Dei ricercatori hanno annunciato mercoledì di aver trovato in una grotta una piccola pietra con il disegno umano più antico di sempre

PUBBLICITÀ

Alcuni scienziati hanno affermato di avere scoperto il disegno più vecchio del mondo su una piccola pietra in Sudafrica.

Il motivo, trovato nella grotta di Blombos, 300 chilometri a est di Città del Capo, ha circa 73mila anni e assomiglia vagamente ad un hashtag, con diverse linee incrociate.

Precede i ritrovamenti antecedenti più antichi di almeno 30mila anni ed è fatto di pigmento rosso ocra, che è stato usato dagli uomini per almeno 285mila anni.

L'archeologo Christopher Henshilwood ha detto a Reuters che "esiterebbe a chiamarla arte".

Ha aggiunto: "E' un disegno assolutamente astratto e aveva di certo per l'artista un significato particolare, probabilmente faceva parte del sistema simbolico comune compreso da altre persone di questo gruppo".

La pietra col disegno ha una dimensione di circa 38,6 millimetri di lunghezza e 12,8 millimetri di larghezza.

Henshilwood spiega: "La brusca interruzione di tutte le linee sui bordi dei frammenti indica che il disegno si estendeva originariamente su una grande superficie. Il motivo era probabilmente più complesso e strutturato nella sua interezza che in questa sua forma tronca".

Magnus M. Haaland/Handout via REUTERS
I ricercatori lavorano nella caverna di Blombos, sulla costa sud del SudafricaMagnus M. Haaland/Handout via REUTERS

Numerosi altri artefatti sono stati trovati nella caverna di Blombos, fra i quali delle perline ricoperte di ocra rossa e un kit per la verniciatura che risale a circa 100mila anni fa.

Per gli scienziati, che hanno pubblicato le loro scoperte sulla rivista scientifica britannica Nature, questi artefatti "sono un primo indicatore della cognizione e del comportamento moderno" dei primi Homo Sapiens africani.

L'Africa è considerata il luogo di nascita dell'uomo moderno, con l'apparizione dell'Homo Sapiens sul continente più di 315mila anni fa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Scoperta in Marocco: l'Homo Sapiens ha 100.000 anni in più

Un'azienda di Carrara ricostruisce i reperti di Palmira distrutti dall'Isil

Elezioni in Ciad: risultati provvisori indicano Deby Itno vincitore, le denunce delle opposizioni