EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

TAV, Tajani: "L'Italia non torni al Medioevo"

TAV, Tajani: "L'Italia non torni al Medioevo"
Diritti d'autore 
Di Paolo Alberto Valenti
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

"Mi auguro che il vice premier Matteo Salvini si imponga e non voti insieme al Movimento 5 stelle su provvedimenti scellerati", ha detto il presidente del Parlamento europeo

PUBBLICITÀ

Avanti tutta nei lavori per la TAV. La società franco italiana Telt ha organizzato una visita stampa presso la località di Saint-Martin-la-Porte, nell’area del cantiere in cui si sta scavando il segmento francese del tunnel di collegamento che sarà lo snodo capitale per la realizzazione dell’alta velocità fra Torino e Lione. La galleria ferroviaria in costruzione è già lunga più di 5 km.

Paolo A.Valenti, Euronews: Una macchina gigantesca sta realizzando il tunnel di collegamento per l’alta velocità Torino Lione. In tutto 57 km che collegheranno la Val di Susa con la valle francese de la Maurienne. Il presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani è qui per sostenere il progetto.

Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo: “Accettare il blocco del cantiere significa veramente far arretrare l’Italia e farla tornare a una situazione medioevale".

Paolo A.Valenti, Euronews: Lei pensa che si andrà avanti?

Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo: Dobbiamo andare avanti, io mi auguro che il vice premier Matteo Salvini si imponga e non voti insieme al Movimento 5 stelle su provvedimenti scellerati. L’appello che noi lanciamo a Salvini è questo… non faccia bloccare le opere infrastrutturali e anche con i voti di Forza Italia chiediamo a Salvini di bloccare le scellerate iniziative del Movimento 5 stelle e dei suoi ministri.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'epopea della TAV, una storia infinita

Tav Torino-Lione: si del Cipe alla variante di Chiomonte

Siccità e desertificazione: la Sicilia deve fare i conti con il cambiamento climatico