Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

In Repubblica Ceca il più alto tasso di occupazione per extracomunitari

In Repubblica Ceca il più alto tasso di occupazione per extracomunitari
Diritti d'autore
Nick Youngson
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il tasso di occupazione degli immigrati nati al di fuori dell'Unione Europea nel 2017 è del 63%, di 10 punti inferiore rispetto alla popolazione natia.

Lo mostrano le ultime statistiche Eurostat diffuse lunedì 30 luglio. Il 63% dei migranti nati all'esterno dei confini UE e di età compresa tra i 20 e 64 anni hanno trovato impiego l'anno passato. Una percentuale che sale al 75.4% per gli spostamenti interni al continente, ovvero sse vengono considerati i migranti che si sono trasferiti da un paese UE all'altro.

I migliori paesi per trovare lavoro da extracomunitari

Il miglior risultato è stato ottenuto dalla Repubblica Ceca, dove il tasso di occupazione è stato del 79,4%, superiore al 78,5% della popolazione nativa, ma leggermente inferiore a quello dei migranti UE (79,7%).

Seguono Romania e Portogallo che registrano tassi di occupazione per i migranti non-UE rispettivamente del 76,3% e del 74,5%. Entrambi sono più elevati dei tassi di occupazione dei lavoratori autoctoni.

I peggiori paesi per i migranti extra-UE

Il più basso tasso di occupazione dei migranti non comunitari è quello del Belgio. Solo il 52% dei residenti nati al di fuori dell'UE aveva un'occupazione nel 2017 contro il 71% dei nativi.

La Grecia ha fatto registrare un tasso di occupazione del 54% per i migranti non-UE ma, al contempo, il tasso di occupazione più basso in assoluto sia per i migranti interni (56,1%) sia tra la popolazione autoctona (58,1%).

La Francia completa il trio di coda con appena il 55,6% della popolazione non comunitaria occupata rispetto al 72,6% della popolazione autoctona.

Ecco la classifica generale:

Migranti extracomunitari nella UE

Secondo l'ultimo censimento UE, nel 2011 erano 51 milioni le persone che vivevano in uno Stato membro dell'UE in cui non erano nate, pari a circa il 10% della popolazione del blocco.

Più di un terzo di queste - 18,8 milioni di persone - è nato in un paese membro dell'Unione, mentre sono 7.4 milioni le persone (il 14.6%) nate al di fuori della UE.

Inoltre, i dati pubblicati in maggio da Eurostat hanno mostrato come, nel periodo 2008-2017, i migranti extracomunitari abbiano registrato tassi di attività sistematicamente più bassi - parliamo del rapporto tra il numero di persone attive (sia occupate che disoccupate) e la corrispondente popolazione totale - rispetto ai migranti comunitari o alla popolazione autoctona.

Le differenze stanno aumentando nel tempo.