EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ministro Tria al Senato: obiettivo meno tasse

Ministro Tria al Senato: obiettivo meno tasse
Diritti d'autore 
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il ministro dell’Economia espone le linee programmatiche del programma. Allentare la pressione fiscale rimane obiettivo primario.

PUBBLICITÀ

Obiettivo: meno tasse. In Italia occorre "ripristinare condizioni di stabilità e certezza per attrarre gli investimenti esteri e sostenere i consumi delle famiglie e gli investimenti delle imprese". E’ quanto affermato dal ministro dell’Economia Tria in commissione Finanze al Senato per riassumere le linee guida del programma.

Per raggiungere questo obiettivo è necessario quindi in primo luogo l'adozione di azioni strutturali "fortemente orientate a rendere la tassazione più favorevole. Intanto l’economia italiana continua a registrare «tassi di crescita positivi seppur inferiori a quelli medi del 2017, come dire che la ripresa non sarà lontana da quella programmata, anche se in rallentamento.

L’attenzione del ministro è anche per le questioni già sul tavolo e allo studio del governo. A cominciare dalla semplificazione burocratica. Ecco così la data di introduzione della fatturazione elettronica non subirà modifiche.

Dal primo gennaio 2019 sarà un obbligo generalizzato. Sulla Flat Tax, altro cavallo di battaglia del governo giallo-verde, il Mef ha avviato un task force «per analizzare i profili di gettito in un quadro coerente di politica fiscale. Per riassumere il discorso di Tria il lavoro del governo sarà: allentare la pressione fiscale, dare maggiore sostegno alle fasce più deboli della popolazione, destinando risorse pubbliche ad assicurare il welfare e la tutela del benessere dei cittadini.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ilaria Salis a processo senza catene a Budapest: giudice rivela indirizzo dove sconta i domiciliari

L'Europa che voglio: politiche economiche, cosa farei da europarlamentare

Salis esce dal carcere: ai domiciliari in Ungheria in attesa di processo ed elezioni europee