Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il tar azero, strumento musicale patrimonio immateriale dell'umanità

Il tar azero, strumento musicale patrimonio immateriale dell'umanità
Dimensioni di testo Aa Aa

Ha la forma di un otto quando è a riposo e simboleggia l’infinito quando lo si suona. Si chiama tar, è una sorta di liuto e il suo doppio cuore si connette a milioni di altri.

Azerbaigian: le cifre

  • Paesi confinanti: Iran, Armenia, Georgia e Russia
  • Superficie totale: 86.600 chilometri quadrati
  • Lingua principale: azero; seconda lingua parlata: russo
  • Popolazione: 9,6 milioni
  • Capitale: Baku
  • Aspettativa di vita: 68 anni per gli uomini, 74 per le donne (fonte: Onu)
  • Principali prodotti esportati: petrolio e prodotti petroliferi (fonti: Onu e Banca mondiale)

Il tar azero è lo strumento più usato in tutto il Caucaso per le sue capacità musicali. Nella sua versione originale persiana aveva cinque o sei corde. In Azerbaigian sono diventate 11 nel diciannovesimo secolo.

L’artigianato e la performance artistica legati al tar azero sono entrati nella lista Unesco del patrimonio immateriale dell’umanità cinque anni fa.

E l’artigianato di questi oggetti interamente fatti a mano segue una tecnica ben precisa, spiega il maestro liutaio Mahir Valadov: “Questo é lo strumento della musica nazionale dell’Azerbaigian, chiamato tar. Si usano tre tipi di legno per il tar: gelso per il corpo; noce per il manico; nocciolo per la paletta; e un pericardio di manzo ne copre il corpo”.

Sulle montagne dicono che ascoltare la musica del tar aiuta a rilassarsi. L’altopiano di Khan, a 2.400 metri d’altezza, dove Euronews è stata la prima televisione al mondo a mandare una troupe, ne è testimone.