EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

L'Olanda del dopo voto: sollievo (a metà), interrogativi tanti

L'Olanda del dopo voto: sollievo (a metà), interrogativi tanti
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Wilders non sfonda, ma l’avanzata preoccupa Scongiurato lo sfondamento dell’estrema destra di Wilders, i Paesi Bassi si svegliano all’indomani delle elezioni tra sollievo, bilanci sfumati e incertezze

Wilders non sfonda, ma l’avanzata preoccupa

PUBBLICITÀ

Scongiurato lo sfondamento dell’estrema destra di Wilders, i Paesi Bassi si svegliano all’indomani delle elezioni tra sollievo, bilanci sfumati e incertezze per il futuro. Tra gli argomenti di soddisfazione addotti dai passanti che all’Aja si offrono alle telecamere anche il messaggio delle urne al populismo montante in altri paesi europei: “Spero che partiti di estrema destra come quello di Wilders facciano ora un passo indietro – dice un libraio -, sarebbe un segnale positivo soprattutto per Francia e Germania”.

Se l’ultradestra di Wilders ha mancato il sorpasso ai liberali di Rutte che molti temevano, i numeri ne rivelano tuttavia una forte avanzata. “Questi risultati sono per me in parte deludenti e lo dico soprattutto in riferimento al partito di Wilders – dice un altro passante -. Io ho votato per i Verdi, potrete quindi immaginare come la vedo. L’ulteriore avanzata dell’estrema destra è terrificante”.

Rutte a caccia di partner di governo: al via il complesso gioco delle alleanze

Vinte le elezioni, i liberali di destra dovranno però ora riuscire nel difficile esercizio delle alleanze di governo.“Sono contento che Rutte ce l’abbia fatta – commenta un altro residente -. Ora attendo con ansia di scoprire che coalizione riuscirà a formare”.

Praticamente virtuali le sue chances di arrivare al governo, Wilders ha parlato di appuntamento solo rimandato e di “primavera patriottica” che prima o poi arriverà.

“Il Primo ministro Mark Rutte – dice l’inviato di eurows, James Franey – cercherà ora con ogni probabilità i futuri partner di coalizione nei Cristiano democratici e negli europeisti del D66. E questo perché ha escluso una collaborazione con Gert Wilders. Neanche una tale alleanza basterebbe tuttavia a garantirgli la maggioranza necessaria e potrebbe addirittura aver bisogno del sostegno di un quarto partito. La formazione di un governo, qui nei Paesi Bassi, richiede in media 74 giorni. Siamo quindi appena all’inizio”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Paesi Bassi, il liberale Mark Rutte sbarra l'avanzata del populista Geert Wilders

Paesi Bassi: tribunale olandese blocca forniture di componenti di F-35 a Israele

Cosa c'è dietro alla virata dei Paesi Bassi verso l'estrema destra?