Impieghi fittizi: due collaboratori di Marine Le Pen formalmente convocati

Impieghi fittizi: due collaboratori di Marine Le Pen formalmente convocati
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La leader del Front National: cabala mediatico-elettoralista

PUBBLICITÀ

Marine Le Pen ha visitato una prigione oggi. Ne è uscita libera. Niente a che vedere con l’inchiesta in corso riguardo agli impieghi fittizi al Parlamento europeo. La candidata alle elezioni presidenziali francesi per il Front National ha sfidato i giornalisti:

I francesi sanno esattamente distinguere fra chi è coinvolto in veri scandali e i complotti politici a fini mediatico-elettoralistici e questo malgrado quello che voi provate a far credere.

In ogni caso la sua guardia del corpo, Thierry Legier e la sua assistente parlamentare Catherine Griset, sono stati formalmente convocati per rispondere alle domande dei magistrati nel quadro delle indagini sugli impieghi fittizi all’Europarlamento.

Le condizioni istruttorie in cui si stanno svolgendo le indagini non corrispondono a quelle di una
democrazia, ha commentato l’avvocato di Marine Le Pen.

Lunedì la polizia ha perquisito i locali del partito di estrema destra alla ricerca di prove e documenti. Nel frattempo lo FN è in testa nei sondaggi, con quasi il 30% delle opinioni favorevoli.

Le elezioni si svolgeranno fra fine aprile e inizio maggio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Argentina, la discarica di bare e resti umani non identificati a La Plata

Regno Unito, inchiesta Covid: l'ex premier Boris Johnson chiede scusa ai familiari delle vittime

Ucraina, distruzione della diga di Kakhovka: "Colpa dei russi, è ecocidio"