Trump pronto a spostare l'ambasciata a Gerusalemme

Trump pronto a spostare l'ambasciata a Gerusalemme
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Casa Bianca fa sapere di aver iniziato a esaminare il controverso dossier

PUBBLICITÀ

Rompendo con la politica storica americana, Trump promette di riconoscere Gerusalemme come capitale d’Israele e di trasferirvi l’ambasciata americana, oggi a Tel Aviv.

Per il momento la Casa Bianca fa sapere di aver iniziato a esaminare il controverso dossier. Anche se domenica, ha cercato di mitigare i toni, precisando che l’annuncio sul trasloco non è imminente.

La sola ipotesi però è sufficiente ad allarmare i palestinesi, che temono il congelamento del processo di pace.

Il Presidente Mahmoud Abbas considera il trasloco dell’ambasciata a Gerusalemme una linea rossa che non può essere varcata.

Mahmoud Abbas, presdiente dell’Autorità palestinese: “Diciamo al Signor Trump che speriamo non voglia spostare l’ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme perché dal punto di vista di Israele Gerusalemme è una città unificata, ma questo è falso ed illegale. Inoltre, spostare l’ambasciata sarebbe una mossa prematura che potrebbe innescare nuovi eventi destinati ad ostacolare il processo di pace”.

Contattato dall nostra emittente, il portavoce dei media arabi presso il primo ministro israeliano Ofir Gendelman ha opposto un risoluto no comment.

L’iniziativa non costituisce una pregiudiziale al processo di pace per Lenny Ben-David, ex diplomatico a Washington:

“Trump andrà fino in fondo, probabilmente ci sarà un processo, un processo graduale per arrivare al trasloco; ma non vedo in esso un attentato contro il mondo arabo o palestinese. Non nuocerà al processo di pace, ma darà ai palestinesi nuovo stimolo per andare avanti e per arrivare a negoziare su Gerusalemme est piuttosto che dichiarare semplicemtne guerra”.

Gerusalemme Est e’ stata annessa da Israele al termine della Guerra dei Sei Giorni a giungo del 1967, definendola “capitale unica ed indivisibile di Israele” ma la comunita’ internazionale non l’ha mai riconosciuta.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, Donald Trump paga 175 milioni di dollari di cauzione per evitare la confisca dei suoi beni

Usa, Trump non trova i soldi per multa da mezzo miliardo per frode a New York

Guerre, aborto e l'innominato Trump: cosa ha detto Biden nel suo discorso sullo Stato dell'Unione