Charlotte: terza notte consecutiva di proteste e violenze

Charlotte: terza notte consecutiva di proteste e violenze
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Charlotte, in North Carolina, s’infiamma dopo la morte di un altro afroamericano, Keith Lamont Scott, 43 anni, ucciso dalla polizia.

PUBBLICITÀ

Charlotte, in North Carolina, s’infiamma dopo la morte di un altro afroamericano, Keith Lamont Scott, 43 anni, ucciso dalla polizia. Dichiarato lo stato di emergenza in città alla terza notte consecutiva di proteste e violenze.

Un manifestante è morto colpito da spari, in circostanze che restano da chiarire. A far crescere la rabbia il rifiuto di rendere pubblico il video da parte della polizia che ha, comunque, ammesso che dalle immagini non si capisce se Scott punti davvero una pistola verso i poliziotti, come finora raccontato nella versione ufficiale.

L’agente che ha sparato, Brentley Vinson e anche lui un afroamericano, è stato messo in congedo retribuito. Forse stava dando la caccia a un’altra persona. In città, intanto, sta per scattare il coprifuoco.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il North Carolina verso il coprifuoco per le violenze e le proteste razziali

USA: in piena campagna elettorale, la rivolta impone il tema etnico ai candidati

New York, al via tra le proteste la Settimana del clima