EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Siria: Erdogan "abbiamo il dovere di sradicare l'Isil"

Siria: Erdogan "abbiamo il dovere di sradicare l'Isil"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Turchia continua le operazioni militari a poche ore dall'entrata in vigore della tregua annunciata da Stati Uniti e Russia

PUBBLICITÀ

L’aviazione turca uccide 20 combattenti dell’Isil nel nord della Siria e intensifica i bombardamenti a poche ore dall’entrata in vigore della tregua siglata tra Stati Uniti e Russia.

In totale, sono oltre 100 i morti, in tutto il Paese, da quando i capi delle diplomazie, John Kerry e Sergey Lavrov, hanno annunciato l’intesa.

L’esercito di Ankara – da parte sua – vuole liberare al più presto l’area di confine dalla minaccia dei combattenti jihadisti, ma anche dalle milizie curde.

“È nostro dovere nei confronti del nostro popolo quello di sradicare l’Isil in Siria e fare in modo che non possa più compiere attacchi nel nostro Paese – ha detto Recep Tayyp Erdogan in un messaggio televisivo – L’operazione Scudo dell’Eufrate è il primo passo in questa direzione”.

Ankara sostiene di aver messo al sicuro il suo confine nel raggio di 91 chilometri, da Azaz a Jarablus dove stanno facendo ritorno – dalla stessa Turchia – centinaia di siriani.

L’attesa, ora, è per l’inizio della tregua concordata tra Stati Uniti e Russia: l’inviato Onu per la Siria, Staffan De Mistura, vede una possibilità di riaprire il dialogo politico tra le parti in lotta già ad ottobre.

-18th Day of Operation Euphrates Shield#EuphratesShield#Jarabulus

*10.09.2016 pic.twitter.com/I5NxFdJyg6

— TR Diplomacy (@TRDiplomacy) September 10, 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siria: si inaspriscono le violenze alla vigilia di un'annunciata tregua

Mitsotakis e Erdogan ad Ankara: continuano i colloqui per normalizzare i rapporti tra i Paesi

"Turchi ingrati", così i sostenitori di Erdoğan dopo la sconfitta a Istanbul e Ankara