EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Addio Philae. Chiuse le comunicazioni radio col piccolo robot dell'ESA atterrato su una cometa

Addio Philae. Chiuse le comunicazioni radio col piccolo robot dell'ESA atterrato su una cometa
Diritti d'autore 
Di Claudio Rosmino Agenzie:  ESA
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

La decisione dopo mesi di silenzio radio. La quantità di energia elettrica risparmiata sarà impiegata per il prosieguo della missione di Rosetta

PUBBLICITÀ

Goodbye Philae. Il centro di controllo dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha deciso di chiudere il canale di comunicazione tra il piccolo lander, atterrato il 12 novembre 2014 sulla cometa 67-P Churyumov-Gerasimenko, e la sonda madre.

La decisione avviene dopo mesi di silenzio radio di Philae, le cui batterie sono inesorabilmente scariche. La quantita di energia elettrica utilizzata per tenere aperto il canale radio sarà ora impiegata per il prosieguo della missione di Rosetta.

Alla fine del mese di luglio la sonda Rosetta sarà a circa 520 milioni di chilometri dal Sole e patirà una significativa perdita di potere – ha detto l’astronoma Claudia Mignone: //rosetta.jpl.nasa.gov/notizie/addio-silent-Philae -. Al fine di massimizzare la quantità di energia elettrica disponibile per le operazioni scientifiche nei prossimi due mesi è stato necessario ridurre i consumi energetici non essenziali a bordo”

Dopo l’atterraggio sulla cometa, Philae aveva perso il contatto con la Terra, dopo poco tempo, in quanto i suoi pannelli solari erano in una zona parzialmente in ombra (a seguito del mancato funzionamento degli arpioni al momento del touchdown).

L’ultimo contatto, di breve durata, è stato stabilito la scorsa estate, quando la cometa era in fase di avvicinamento al sole (perielio).

Fine della missione h3>

L’ultimo atto della missione, partita più di dodici anni fa, si consumerà il 30 settembre 2016, quando la sonda Rosetta scenderà verso la cometa, captando importanti informazioni scientifiche da distanze sempre più ravvicinate fino allo schianto finale.

Rosetta e Philae saranno quindi gli unici strumenti costruiti dall’uomo ad essere atterrati su una cometa. Dalla missione sono emerse prime informazioni (e molte altre seguiranno negli anni a venire)su come le comete hanno contribuito alla diffusione degli elementi alla base della vita nell’universo (acqua, ossigeno molecolare, carbonio, azoto ecc.)

Addio Philae h3>

Nel frattempo l’Agenzia Spaziale Tedesca (DLR), che ospita il centro di controllo di Philae, invita gli appassionati della missione a dire addio a Philae – che ha 448.000 seguaci su Twitter, fino all’8 agosto, utilizzando l’hashtag #GoodbyePhilae

Philae2014 < / a>, 1 ° robot per atterrare su una cometa. Complimenti <a href="https://twitter.com/esa">ESA per questo risultato straordinario. #GoodbyePhilae https: // t. co / DfiO0SekSn p> & mdash; NASA (@NASA) 27 luglio 2016 blockquote> </ script>

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spazio: razzo Soyuz verso l'Iss, successo al secondo lancio

Spazio: la Russia interrompe il lancio del razzo Soyuz, problemi tecnici a venti secondi dal decollo

Spazio, SpaceX di Musk lancia con successo la nuova Starship