EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Grecia, primo giorno di Ramadan per i migranti nei campi profughi

Grecia, primo giorno di Ramadan per i migranti nei campi profughi
Diritti d'autore 
Di Andrea Neri Agenzie:  Reuters
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L’avvio del Ramadan, un momento di preghiera e di sacrificio.

PUBBLICITÀ

L’avvio del Ramadan, un momento di preghiera e di sacrificio. Ma anche un momento di unione e condivisione per le famiglie e le comunità. Quest’anno, per migliaia di persone arrivate in Grecia, è la prima volta che la tradizione musulmana viene rispettata lontano da casa.

“Tutti qui sentono la mancanza delle proprie famiglie, del proprio Paese, è difficile e tanto più per quelli che sono così lontani da casa, dai parenti, dagli amici” dice Abdul, afgano che si trova nel campo profughi di Schito, vicino ad Atene.

I racconti, le preoccupazioni e il disagio sono gli stessi a Evzoni, località poco distante da Idonemi, alla frontiera con la Macedonia, dove da poco è stato sgomberato l’immenso campo improvvisato in cui si trovavano migliaia di migranti.

“È il mio primo giorno di Ramadan. È dura, ho cominciato il digiuno alle 4 del mattino fino alle 9 di sera. È lunga. Ma soprattutto vorrei rivedere la mia famiglia, in Siria o in qualche altro Paese, mi mancano, soprattutto mia madre” dice un giovane di 24 anni arrivato da Aleppo.

Le condizioni difficili sono condivise e paradossalmente questo aiuta a ricreare una cominità. Calato il sole, ci si riunisce attorno al pasto che pone fine alla prima giornata del Ramadan dei migranti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cos'è il Ramadan fra tradizione, tecnologia e speranze di pace

Al via il Ramadan: mese sacro dell'Islam che rilancia speranze di pace

Gaza, migliaia di sfollati palestinesi in marcia verso il Nord: "Vogliamo tornare a casa"