EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Usa 2016. Hillary vince in tutti gli Stati del mini Super Tuesday e annulla Sanders

Usa 2016. Hillary vince in tutti gli Stati del mini Super Tuesday e annulla Sanders
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un secondo Super Tuesday che per il partito democratico rappresenta la pietra tombale delle ambizioni di Bernie Sanders. Hillary Clinton vince in 4

PUBBLICITÀ

Un secondo Super Tuesday che per il partito democratico rappresenta la pietra tombale delle ambizioni di Bernie Sanders. Hillary Clinton vince in 4 Stati e, dopo un testa a testa con il senatore del Vermont in Missouri, vince anche qui con uno scarto di nemmeno 1.500 voti. Il suo discorso non cambia: è un’attacco frontale al futuro sfidante, Donald Trump.

“Il prossimo Presidente dovrà essere in grado d’affrontare 3 grandi sfide: primo, apportare dei cambiamenti positivi nella vita della gente; secondo, garantire la sicurezza; terzo: riportare il nostro Paese all’unità” ha detto nel discorso della vittoria davanti ai suoi sostenitori.

E i militanti democratici si gustano la serata della svolta e si lasciano trasportare da un’ammirazione per Hillary velata da qualche tocco d’ingenuità:

“Credo che piaccia al grande pubblico, penso che abbia un carattere forte e che appoggi tutta una serie di questioni che ci stanno a cuore” dice un elettore.

“Mi ricordo di aver visto Hillary Clinton quando era la first lady, io avevo 14 anni. Adesso posso votare per lei ed è lei la prima ad avermi dimostrato che non c‘è bisogno di essere la moglie di qualcuno per entrare in politica, posso essere io a fare politica” dice un’iscritta al partito democratico…

Il corrispondente di euronews in Florida Stefan Grobe: “Fino ad ora questa è stata la notte più gloriosa per Hillary Clinton dall’inizio delle primarie. Nel suo discorso dopo la vittoria ha sottolineato che Bernie Sanders non è più una minaccia. D’ora in poi potrà concentrarsi su chiunque si avvii ad essere il candidato nominato dai repubblicani”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

USA: il secondo Big Tuesday, ancora Trump e Clinton. I dubbi dei repubblicani, le quasi-certezze democratiche

Usa 2016. Trionfo Trump, ma il sasso nella scarpa è Kasich che gli soffia l'Ohio

Venezia: Mostra del Cinema, Leone d'Oro alla carriera a Catherine Deneuve