Siria, la tregua non esiste per l'Isil che attacca una città alla frontiera turca

Siria, la tregua non esiste per l'Isil che attacca una città alla frontiera turca
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La tregua in Siria è carta straccia per i jihadisti dell’Isil che hanno lanciato un’offensiva a nord di Raqqa, considerata la loro capitale siriana

PUBBLICITÀ

La tregua in Siria è carta straccia per i jihadisti dell’Isil che hanno lanciato un’offensiva a nord di Raqqa, considerata la loro capitale siriana. L’obbiettivo, per ora fallito, è la conquista di Tal Abyad, cittadina sul confine con la Turchia, in mano dall’estate scorsa alle milizie curde dell’Unità di Protezione Popolare (Ypg).

Secondo il presidente americano si stanno facendo progressi nella lotta al Califfato: “La guerra resta difficile. La situazione in Siria e in Iraq è molto complessa. Dopo i nostri bombardamenti ai suoi giacimenti petroliferi, l’Isil è stato costretto a tagliare i salari ai suoi miliziani. Grazie all’impegno di diverse nazioni, il flusso di combattenti terroristici stranieri in Siria sembra diminuire”, ha detto Barack Obama.

L’Isil ha anche rivendicato un attacco suicida nella provincia centrale di Hama. Un kamikaze si è fatto esplodere a un posto di blocco governativo all’entrata della città di Salamiyeh, sono morti due soldati siriani.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siria: prima giornata di una ''fragile tregua''

Stati Uniti: la Camera approva la legge contro TikTok, l'app potrebbe essere vietata

Iran-Israele, il conflitto è diretto: il pericolo di missili, raid e arsenali nucleari