Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Iran, senza sanzioni tornerà la crescita?

Iran, senza sanzioni tornerà la crescita?
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

La cancellazione delle sanzioni toglie un grosso fardello dalle spalle dell’Iran. Ma basta questo a farne una nazione in grado di correre, dopo anni di crisi economica?

L’inflazione è stata più o meno messa sotto controllo, avvicinandosi al 10%, dal 16,7% di inizio 2015. Qualche segnale di ripresa comincia a vedersi, ma questa nuova fase per Teheran si apre sotto una cattiva stella: il prezzo del petrolio che precipita rende assai più complicato riuscire a pesare davvero nel consesso economico internazionale.

Cosa pensano i manager iraniani? Saeed Yavary, di
Tejarat Mandegar: “la fine delle sanzioni è un grande successo del governo per il quale voglio congratularmi. Ma non dobbiamo attenderci cambiamenti rapidi. Ci vuole tempo perché si veda l’effetto della fine delle sanzioni”.

I sentimenti non sono dissimili da quelli della gente che si trova per strada, al mercato. Divisi tra ritrovata speranza e una naturale prudenza.

“Penso che non vedremo risultati nel breve periodo – dice, infatti, un ragazzo – non possiamo attenderci di vedere i cambiamenti domani mattina. Ma, comunque, sarà reale e aiuterà l’Iran ad avere migliori relazioni con altri Paesi e, ovviamente, qualcosa di buono in economia”.

“Penso sia successo troppo tardi – afferma una giovane – ma è comunque un passo positivo per il progresso dell’Iran e ora chi ci governa dovrà prestare attenzione al benessere della popolazione”.

Il corrispondente di euronews, Javad Montazeri, dice: “le porte delle relazioni internazionali sono di nuovo aperte. Quelle porte che sono state chiuse negli ultimi anni. Ma, ora, la gente guarda al governo per vedere come questo risolverà i problemi economici in questo nuovo scenario”.