ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Rallentamento economico, il lunedì nero dei metalli

Rallentamento economico, il lunedì nero dei metalli
Dimensioni di testo Aa Aa

Rame, nickel, piombo, zinco. Nemmeno l’oro è stato risparmiato dalla raffica di vendite che ha colpito le materie prime. Lunedì i principali metalli hanno visto il loro prezzo crollare a livelli che non si registravano da anni.

Non c‘è da sorprendersi, spiegano gli analisti: da una parte il motore dell’economia globale, a Cina, sta rallentando. E con esso la sua domanda di “carburante”. Dall’altra il dollaro forte sta indebolendo il potere di acquisto delle altre valute. Risultato: un surplus di materie prime che ricorda quello in atto nel mondo del petrolio.

Anche il prezzo dell’oro nero osserva nuove contrazioni: quello di origine nordamericana è arrivato a scambiare sotto i 40 dollari al barile, mentre il brent europeo non riesce a risalire sopra i 50 dollari.

Segnali di rimbalzo, ad ogni modo, si sono avvertiti al primo cenno dell’Arabia Saudita: dopo l’allarme lanciato dal Venezuela (“petrolio a 20 dollari se l’Opec non interverrà”), il maggior produttore mondiale ha dichiarato di essere pronto a collaborare per la stabilità dei prezzi.